Home

Mirana1Mirana Likar Bajželj je avtorica dveh kratkoproznih zbirk. Prva, Sobotne zgodbe, ki je leta 2009 izšla pri Cankarjevi založbi, je bila dvakrat nominirana za nagrado fabula. Zgodba Nadin prt iz druge zbirke Sedem besed (Lud Literatura, 2012) je bila leta 2013 uvrščena v antologijo Best European Fiction ameriške založbe Dalkey Archive Press.

Mirana Likar Bajželj è autrice di due raccolte di racconti. La prima, Sobotne zgodbe (I racconti del sabato), uscita nel 2009 presso la casa editrice Cankarjeva založba, è stata segnalata due volte di seguito per il premio Fabula. Il racconto Nadin prt (La tovaglia di Nada) della seconda raccolta Sedem besed (Sette parole; Lud Literatura, 2012) è stata pubblicata nel 2013 nell’antologia Best European Fiction della casa editrice americana Dalkey Archive Press. 

Krištof.jpgKrištof Dovjak – Rodil sem se leta 1967 na Švedskem. Živim v Ljubljani. Pri Cankarjevi založbi sem izdal pesniški zbirki Veter v Odiseju (1999) in Prometej na plakatu (2007). Pri založbi Alica sta l. 2009 izšli knjigi Igre iz mesta in Igre z dvora, z izborom šestih dramskih besedil. Akademik dr. Taras Kermauner piše tudi o moji dramatiki. L. 2011 je pri založbi UMco izšla njegova knjiga Dramsko videnje(volja?) – Dovjakova dramatika. Vesel in počaščen sem, da s prvo objavo Zwei-zwei lahko sanjarim v sobi za goste, v La casa di carta-Papirnati hiši.

Krištof Dovjak – Sono nato nel 1967 in Svezia. Vivo a Lubiana. Ho pubblicato due raccolte di poesia presso la  Cankarjeva založba: Veter v Odiseju (1999) e Prometej na plakatu (2007). Nel 2009, sono usciti presso la casa editrice Alica due libri, Igre iz mesta e Igre z dvora, contenenti sei pezzi teatrali. La casa editrice UMco ha pubblicato, nel 2011, il saggio Dramsko videnje(volja?) – Dovjakova dramatika sulla mia drammaturgia, scritto dall’accademico Taras Kermauner. Sono contento e onorato di poter sognare, con la prima pubblicazione di Zwei-Zwei, nella Camera degli ospiti de La casa di carta – Papirnata hiša. 

Igor Costanzo (1980), pesnik in prevajalec italijanskih in finskih korenin, je diplomiral iz sodobne italijanske književnosti in filologije na univerzi v Veroni in poučuje italijansko književnost v Brescii. Že leta 1998 je za RAI 3 napisal gledališko igro Le ferite aperte dalla monotonia. Od leta 1999 sodeluje z glasbenikoma Enricom Ghedijem in Omarjem Pedrinijem; slednji je na svoj album Che ci vado a fare a Londra? uvrstil njegovo pesem Italia. Je med ustanovitelji založbe Volo Press, z Beppejem Costo in Stefanio Battistella ureja zbirko Inediti rari e diversi pri založbi Seam Edizioni. Kot predsednik odbora za kulturo občine Moniga del Garda organizira tudi pesniške dogodke, ki so v Italijo pripeljali pomembne literarne osebnosti, npr. pesnike Jacka Hirschmana, Hermanna Nitscha, Lawrencea Ferlinghettija, Paula Polanskega, Fernanda Arrabala in Naima Araidija. Izdal je pesniške zbirke I Wish to Be Light, CC. Marimbo, 2005, (prev. Jack Hirschman); Innocenza in bilico, Zanetto Editore, 2007 (spremna beseda Alda Merini); Il Cavallino Blu, Fondazione Zanetto, 2011; Apnea, Seam Edizioni, 2013. Predstavljen je v več antologijah.

Igor Costanzo (1980), poeta e traduttore italiano di origini italo-finlandesi, si è laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna all’Università di Verona. Insegna Lettere a Brescia. Già nel 1998 ha scritto per Rai 3 la pièce teatrale Le ferite aperte dalla monotonia.  Dal 1999 collabora con i musicisti Enrico Ghedi e Omar Pedrini; quest’ultimo inserisce una sua poesia, Italia, nell’album intitolato Che ci vado a fare a Londra?. È uno dei fondatori della casa editrice Volo Press, e insieme a Beppe Costa e Stefania Battistella cura la collana Inediti rari e diversi presso la casa editrice Seam Edizioni. Come presidente della commissione cultura del comune di Moniga del Garda organizza anche eventi poetici portando in italia diverse personalità importanti del mondo della letteratura, per es. i poeti Jack Hirschman, Hermann Nitsch, Lawrence Ferlinghetti, Paul Polansky, Fernando Arrabal e Naim Araidi. Ha pubblicato le raccolte di poesia I Wish to Be Light, CC. Marimbo, 2005, (traduzione di Jack Hirschman); Innocenza in bilico, Zanetto Editore, 2007 (postfazione di Alda Merini); Il Cavallino Blu, Fondazione Zanetto, 2011; Apnea, Seam Edizioni, 2013. È presente in diverse antologie.

Antonella Bukovaz-izrez Antonella Bukovaz (Cividale del Friuli, 13 giugno 1963) è originaria di Topolò-Topolove, borgo sul confine italo-sloveno, nelle valli del Natisone. Lì ha cresciuto le sue figlie, e scritto poesie che sono confluite in un libro, Tatuaggi, edito da Lietocolle (2006). Dal 1995 ha partecipato a diverse rassegne di arte contemporanea in Italia e in Slovenia; dal 2005 si dedica prevalentemente alla poesia e alle interazioni tra parola, suono e immagine in forma di lettura, videopoesia e video-audioinstallazione. Ha realizzato i suoi lavori collaborando con i musicisti Sandro Carta, Hanna Preuss, Antonio Della Marina, Teho Teardo, Massimo Croce. Nel 2008 ha scritto Storia di una donna che guarda al dissolversi di un paesaggio (Premio Antonio Delfini 2009). Ha scritto per il teatro sonoro di H. Preuss: Mai più-Nikoli več rappresentato al Cankarjev dom di Ljubljana, al Teatro Miela di Trieste e al Gekken teatro di Kyoto; Sonokalipsa e Pavana per Antigone rappresentati a Ljubljana. Nel 2011 ha pubblicato al Limite, editore Le Lettere, con dvd (video di Paolo Comuzzi, musiche di Antonio Della Marina), è uscita nell’ Antologia Poete a nord est, Ellerani editore e nell’Antologia Einaudi Nuovi poeti italiani 6. Del 2012 è la pubblicazione del librino koordinate per pulcinoelefante e del cd con librino Casadolcecasa per Ozky-esound. In collaborazione con Massimo Croce, compone la partitura per le perfomance sonore Lessico Elettronico e L’Arte dei Rumori in onore di Luigi Russolo e partecipa al progetto politico-sonoro Femminilizzazione del mondo. Suoi versi sono pubblicati su diverse riviste web e cartacee (il Verri, Alfabeta, in Pensiero…). Collabora alla realizzazione di Stazione di Topolò/Postaja Topolove. Insegna, in lingua slovena, nella scuola bilingue di San Pietro al Natisone. Vive a Cividale del Friuli.

Antonella Bukovaz je doma iz Topolovega. Tu so tudi nastale pesmi, ki jih je potem zbrala v knjigo Tatuaggi (Tetoviranja) za založbo Lietocolle (2006). Od leta 2005 se posveča pretežno videopoeziji in interakciji med pesmijo, zvokom in sliko. Svoja dela je realizirala v sodelovanju z glasbeniki Sandrom Carto, Hanno Preuss, Tehom Teardom, Antoniem Della Marino, Massimom Crocejem. Leta 2009 je prejela nagrado Premio Antonio Delfinii za videopoezijo Storia di una donna che guarda al dissolversi di un paesaggio. Za sonorično gledališče H. Preuss je napisala Mai più–Nikoli več, uprizorjen je bil v Cankarjevem domu v Ljubljani, v Teatru Miela v Trstu in v Gekken teater v Kyotu; Sonokalipsa in Pavana za Antigono sta bili uprizorjeni v Ljubljani. Leta 2011 je pri založbi Le Lettere izdala al Limite z dvd-jem (avtor videa Paolo Comuzzi, avtor glasbe Antonio Della Marina); izšla je v antologiji severnoitalijanskih pesnikov Poete a nord est (založba Ellerani editore) in v antologiji založbe Einaudi Nuovi poeti italiani 6. Leta 2012 je izšla knjižica koordinate per pulcinoelefante in cede s knjižico Casadolcecasa (Ozky-esound). Z Massimom Crocejem je zložila parituro za zvočna performansa Lessico Elettronico in L’Arte dei Rumori v čast Luigiju Russolu in sodelovala pri politično-zvočnem projektu Femminilizzazione del mondoNjene poezije so objavljene v revialnem tisku in na spletnih revijah (il Verri, Alfabeta, in Pensiero …), prevedene so v nemščino in slovenščino. Sodeluje pri organizaciji Postaje Topolove (Videm). V slovenščini poučuje na dvojezični šoli v Špetru. Živi v Čedadu.

SuryaSurya Amarú. Laureatasi nel 2004 a pieni voti in Lettere Moderne (Letteratura Italiana ed Europea Moderna) e, poi, nel 2006, specializzatasi sempre con il 110 e lode in Filologia Italiana presso l’Università di Catania, Surya Amarú è consulente editoriale e libraia. Vive a Catania.

Surya Amarú. Leta 2004 je z odliko diplomirala iz moderne književnosti (Italijanska in evropska moderna književnost) in leta 2006, prav tako z odliko, magistrirala iz italijanske filologije na Univerzi v Catanii. Je založniška svetovalka in knjigarka. Živi v Catanii.

Jure VugaJure Vuga se je rodil v Kopru leta 1983. Po končani gimnaziji se je vpisal na Oddelek za umetnostno zgodovino Univerze v Ljubljani. Prejel je štipendijo italijanskega zunanjega ministrstva, s katero je v Firencah poglobil študij in opravljal tudi delovno prakso na Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento v Palazzo Strozzi. Za diplomsko nalogo z naslovom Interpretacija Botticellijeve Pomladi v misterijskem kontekstu je leta 2010 prejel univerzitetno Prešernovo nagrado. Trenutno pripravlja doktorsko disertacijo na temo Vpliv (renesančnega romana) Hypnerotomachia Poliphili na Giorgionejevo “Nevihto”. Leta 2009 je pri Študentski založbi v zbirki Beletrina izdal zbirko Pod kamni plešem, leta 2015 pa mu bo pri Mladinski knjigi izšla nova zbirka Modri plamen. Živi v Kopru in dela kot vodič za turistične agencije.

Jure Vuga è nato a Capodistria nel 1983. Dopo aver finito il liceo si è iscritto al dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università di Lubiana. È stato borsista del Ministero degli Affari Esteri Italiano e ha proseguito i suoi studi a Firenze, dove ha svolto anche il praticantato presso l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento a Palazzo Strozzi. Per la tesi di laurea dal titolo Interpretazione della Primavera di Botticelli nel contesto dei misteri pagani ha ricevuto nel 2010 il più alto riconoscimento per studenti universitari in Slovenia, il premio France Prešeren. Attualmente sta scrivendo la tesi di dottorato su L’influenza del romanzo rinascimentale Hipnerotomachia Poliphili sulla ‘Tempesta’ di Giorgione. Nel 2009 ha esordito con la raccolta di poesie Sotto i massi io danzo (Pod kamni plešem), edito dalla casa editrice Študentska založba (collana Beletrina). Nel 2015 uscirà la sua seconda raccolta La fiamma blu (Modri plamen) presso Mladinska knjiga. Vive a Capodistria e lavora come guida turistica.

fotoChiara Catapano, classe ’75, nasce a Trieste. Vive per alcuni anni tra Austria, Grecia e Giordania. Dirige assieme allo scrittore Claudio Di Scalzo la rivista on line di arti, pensosità e letterature, L’Olandese Volante (www.olandesevolante.com). Di recente pubblicazione la raccolta La graziosa vita, omaggio a Giovanni Boine, scritta sotto l’eteronimo di Rina Rètis. Collabora con artisti nazionali ed internazionali. Tornata a vivere in Friuli di recente, ha partecipato, lo scorso luglio, al festival di Topolò.

Chiara Catapano (1975) se je rodila v Trstu. Nekaj let je živela v Avstriji, Grčiji in Jordaniji. S pisateljem Claudiem Di Scalzom ureja spletno revijo za umetnost, refleksijo in literaturo L’Olandese Volante (www.olandesevolante.com). Nedavno je pod heteronimom Rina Rètis izdala zbirko La graziosa vita, hommage italijanskemu pesniku in pisatelju Giovanniju Boineju. Sodeluje z umetniki v domovini in po svetu. Pred kratkim se je znova preselila  v Furlanijo in julija 2014 sodelovala na festivalu Postaja Topolove.

Vanja PeganPisatelj in glasbenik Vanja Pegan je otroška in mladostna leta preživel v Piranu. Med letoma 1989 in 1996 je napisal scensko glasbo za več gledaliških predstav v Primorskem dramskem gledališču, Mestnem gledališču ljubljanskem, Cankarjevem domu in gledališču Glej.Napisal je tri knjige za otroke, Citronček in Giovanin (1999), Mesto 2000 (2000) in Tonin (2009), slednja je bila tudi nagrajena (The White Raven 2010). Po njegovi literarni predlogi sta bili uprizorjeni gledališka predstava za otroke, Trije oslički in kozica Rozica (2001) ter plesna pravljica Lučka in najlepše darilo (2004). Je avtor romanov Čoln (2005), Pisatelj, Adam in pilot (2006) ter Potovanje na začetek poti (2009) in treh zbirk kratkih zgodb – Kopanje mornarjev v topli vodi (2002), Nebo davnega poletja (2007) in Štiri morske milje (2012). Živi in ustvarja v Izoli. V piranskem pristanišču ima privezano manjšo jadrnico, s katero vse leto jadra in živi v stiku z morjem.

Vanja Pegan, scrittore e musicista, ha vissuto i suoi anni d’infanzia e gioventú a Pirano. Tra il 1989 e il 1996 ha scritto la musica di scena per vari spettacoli del Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica e i teatri lubianesi Mestno gledališče ljubljansko, Cankarjev dom e Glej. È autore di tre libri per bambini, tutti e tre tradotti anche in italiano: Giovanin e la farfalla (1999), La città del 2000 (2000) e Tonin (2009); quest’ultimo ha vinto il premio The White Raven 2010. Sono stati messi in scena, in base ai suoi testi, lo spettacolo per bambini Trije oslički in kozica Rozica (2001) e la favola-balletto Lučka in najlepše darilo (2004). È autore dei romanzi Čoln (2005), Pisatelj, Adam in pilot (2006) e Potovanje na začetek poti (2009) nonché delle tre raccolte di racconti brevi Kopanje mornarjev v topli vodi (2002), Nebo davnega poletja (2007) e Štiri morske milje (2012). Vive e scrive a Isola d’Istria. Nel porto di Pirano è ormeggiata la sua barca a vela, a bordo della quale naviga e vive in contatto col mare durante tutto l’anno.

PetarosValentina Petaros Jeromela, rojena v Kopru, je po diplomi iz italijanistike (2003) nadaljevala študij v Državnem arhivu v Trstu, kjer je magistrirala in dosegla naziv višji arhivist, pozneje pa še naziv “cultore della materia Filologia italiana”. Kot svobodna arhivistka je sodelovala tudi s slovenskimi in hrvaškimi državnimi arhivi. Objavila je več študij.  

Valentina Petaros Jeromela – Capodistriana di nascita, laureata (2003) in Lettere Moderne, indirizzo Filologico con argomento dantesco, studio parificato in Slovenia con il titolo di univerzitetna diplomirana italijanistka. La tesi di laurea consiste nella trascrizione del commento al Purgatorio della Commedia ad opera di Jacopo della Lana. Come primo lavoro ha svolto la collatio dei testi che tramandano la tradizione della canzone, manifesto del Dolce Stil Novo, di Guido Guinizzelli “Al cor gentil rempaira sempre amore”. La sua composizione si colloca tra il 1324 e il 1328. Nel 2005 ha conseguito il Master in Scienze archivistiche presso l’Archivio di Stato di Trieste; studio parificato in Slovenia con il titolo di archivista con successivo avanzamento a »višji  arhivist«. Nel 2007 le è stato conferito il prestigioso titolo di “cultore della materia filologia italiana”. Come archivista free lancer ha collaborato con la Società Dalmata di Storia Patria per i Progetti FiDA e SIDA. Il primo ha indicizzato secondo gli standard ISAD (General International Standard Archival Description) i fondi degli archivi di Stato o Regionali della Slovenia e della Croazia – mentre il secondo quelli degli archivi non Statali d’età veneta nei territori ex Veneti. Altre collaborazioni, in veste professionale, sono con Coordinamento Adriatico per un totale di 5.000 metri lineari di materiale archivistico inventariato. Sono di recente pubblicazione gli studi incentrati sul governatorato dell’ammiraglio Enrico Millo durante gli anni cruciali per l’Italia e la Dalmazia, quelli tra il 1918 e il 1920. L’ultimo lavoro archivistico è stato svolto con i fondi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e in collaborazione con il Circolo culturale Il Colle di San Daniele presso l’Archivio di Stato di Venezia, l’Archivio di Stato di Udine e presso la Biblioteca Civica ”Vincenzo Joppi” di Udine. Da questa collaborazione è nata la pubblicazione “Ordo Salis. Produzione, commercio e contrabbando del sale all’epoca della Serenissima Repubblica di Venezia” con DVD allegato. L’autrice ripercorre, ricostruendole filologicamente, le vie lecite e illecite del sale che da Capodistria andavano sino al Friuli pedemontano. È stato pubblicato, sulla rivista di studi regionali Metodi e ricerche, l’articolo “La Divina Commedia tra traduzione e versione. I tentativi della lingua slovena”. Il tema dell’articolo è incentrato sull’influenza che ha avuto la Divina Commedia dantesca nella cultura slovena. La prima parte consiste in un’indagine approfondita delle conoscenze degli studiosi sloveni dell’autore, il tutto rivisto poi in chiave dello sviluppo della cultura slovena. Sta preparando la seconda parte di quest’articolo, in cui confronta le varie traduzioni motivando le scelte stilistiche basandosi sia sulla conoscenza della cultura slovena ma anche e soprattutto sulla base stilistica dantesca. Un confronto grazie al quale potrà dimostrare come la lingua slovena sia riuscita ad arricchirsi attraverso le prove delle versioni della Divina commedia. Articolo inserito nella Biblioteca della Società dantesca e nella Bibliografia dantesca internazionale. In questo momento sta ultimando l’articolo in cui si confrontano filologicamente i due manoscritti del Commento Rambaldiano alla Divina Commedia scritti a Isola d’Istria verso la fine del XIV secolo. PUBBLICAZIONI: »Ordo Salis. Produzione, commercio e contrabbando del sale all’epoca della Serenissima Repubblica di Venezia«, ho curato l’edizione in collaborazione con il Circolo Culturale Il Colle di San Daniele e con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuolia,  2013. / Messaggeri postali militari in Istria, “Quaderni”, volume XXIV, 2013, Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, pp. 227-260. / »Fonti giuridiche croate per i beni culturali e inventariazione del “Fondo Comune di Zara (1890-1920)” presso l’Archivio di Stato di Zara e del “Fondo Tommaseo-Artale” presso l’Archivio di Stato di Sebenico”«, vol. II, Lo Scarabeo, Bologna; ho collaborato come prima archivista. / Amministrazione militare dell’ammiraglio Enrico Millo, “Quaderni”, vol. XXIII, 2012, Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, pp. 39-77 / Fonti archivistiche per l’introduzione dell’amministrazione italiana nella Dalmazia ex austriaca. Attività direttiva dell’ammiraglio Enrico Millo in “Quaderni” №XXII/2011, Centro di Ricerche Storiche di Rovigno. / Millo. Ufficio approvvigionamenti civili della Dalmazia e delle Isole Dalmate e Curzolane (1918-1922),in “Quaderni” №XXI/2010, Centro di Ricerche Storiche di Rovigno. / Grisoni e Vergerio, due famiglie, un’eredità e 200 anni di storia, in “La Città” №31/2010, CAN Capodistria. / La Divina Commedia tra traduzione e versione. I tentativi della lingua slovena, in “Metodi e ricerche”, anno XXVII, n. 1, gennaio-giugno 2008, Designgraf, Udine, 2008, pagg. 181- 207.

Marko MatičetovMarko Matičetov se je rodil leta 1984 v Ljubljani, od otroštva pa živi v Luciji na slovenski obali. Maturiral je na piranski gimnaziji, diplomiral in magistriral pa iz politologije na Fakulteti za družbene vede v Ljubljani. Pri založbi KUD France Prešeren je izdal tri pesniške zbirke: V vsaki stvari je ženska (2006), Boš videl (2009) in Lahko noč iz moje sobe, Brazilija (2013). Od leta 2009 je zaposlen kot bibliotekar v Mestni knjižnici Piran.

Marko Matičetov è nato nel 1984 a Lubiana, ma vive, sin dall’infanzia, a Lucia nel Litorale sloveno. Dopo essersi diplomato al Ginnasio di Pirano ha conseguito il titolo di master in politologia alla Facoltà di scienze sociali di Lubiana. Presso la casa editrice KUD France Prešeren ha pubblicato tre raccolte di poesie: V vsaki stvari je ženska (2006), Boš videl (2009) e Lahko noč iz moje sobe, Brazilija (2013). Dal 2009 lavora come bibliotecario alla Biblioteca Civica di Pirano.

Massimo maugeri 6-bis Massimo Maugeri, scrittore siciliano (Catania, 1968), collabora con le pagine culturali di magazine e quotidiani. Ha pubblicato: il romanzo “Identità distorte” (Prova d’Autore, 2005 – Premio Martoglio); il volume “Letteratitudine, il libro – vol. I – 2006-2008” (Azimut, 2008); il racconto lungo “La coda di pesce che inseguiva l’amore” (Sampognaro & Pupi, 2010 – Premio “Più a Sud di Tunisi”), scritto a quattro mani con Simona Lo Iacono; il saggio/reportage “L’e-book è (è?) il futuro del libro” (Historica, 2011); la raccolta di racconti “Viaggio all’alba del millennio” (Perdisa Pop, 2011 – Premio Internazionale Sebastiano Addamo, Selezione Premio dei Lettori di Lucca); “Letteratitudine, il libro – vol. 2” (Historica). Ha inoltre curato la raccolta di racconti no profit Roma per le strade” (Azimut, 2009), partecipando con un proprio racconto e coinvolgendo nel progetto molti tra i principali scrittori nati o residenti a Roma.Nel marzo del 2013, per le edizioni e/o, è uscito il romanzo: “Trinacria Park” (Premio Vittorini – finalista premio Minerva). Ha ideato e gestisce www.letteratitudine.it marchio letterario che trae origine dal litblog www.letteratitudine.blog.kataweb.it (blog letterario d’autore del Gruppo L’Espresso). Su Radio Hinterland cura e conduce “Letteratitudine in Fm”: trasmissione culturale di libri e letteratura.

Massimo Maugeri, sicilijanski pisatelj (1968), sodeluje pri kulturnih rubrikah več časopisov in revij. Za roman Identità distorte (Prova d’Autore, 2005) je prejel nagrado Martoglio. Izdal je zbornik Letteratitudine, il libro – vol. I – 2006-2008 (Azimut, 2008), skupaj s Simono Lo Iacono novelo La coda di pesce che inseguiva l’amore (Sampognaro & Pupi, 2010; zanjo je prejel nagrado Più a Sud di Tunisi), esej/reportažo L’e-book è (è?) il futuro del libro (Historica, 2011), zbirko zgodb Viaggio all’alba del millennio (Perdisa Pop, 2011; zanjo je prejel mednarodno nagrado Sebastiano Addamo in Selezione Premio dei Lettori di Lucca) in zbornik Letteratitudine, il libro – vol. 2 (Historica). Uredil je zbirko zgodb najpomembnejših rimskih avtorjev Roma per le strade (Azimut, 2009) in tudi sam v njej objavil svojo zgodbo. Marca 2013 mu je pri založbi Edizioni e/o izšel roman Trinacria Park, ki je prejel nagrado Vittorini in je bil nominiran za nagrado Minerva. Zasnoval je literarno znamko www.letteratitudine.it, ki izhaja iz literarnega bloga www.letteratitudine.blog.kataweb.it (pri skupini L’Espresso). Na Radio Hinterland ureja in vodi kulturno oddajo o knjigah in literaturi Letteratitudine in Fm.

Magrelli2Valerio Magrelli (1957) je italijanski pesnik, esejist in akademik. Na univerzi v Cassinu v Laciju poučuje francoski jezik s književnostjo. Med drugim je prevedel dela Mallarméja, Valéryja, Jarryja, Chara in Pongea. Je avtor desetih pesniških zbirk. Prejel je več pesniških nagrad, iz rok dveh italijanskih predsednikov tudi državno prevajalsko nagrado in viteški naslov. Piše za več italijanskih časnikov.

Valerio Magrelli (1957) è poeta, saggista ed accademico italiano. Insegna Lingua e Letteratura francese all’Università di Cassino. Tra l’altro ha tradotto opere di Mallarmé, Valéry, Jarry, Char e Ponge. È autore di dieci raccolte di liriche. Ha ricevuto piú premi di poesia e dalle mani di due Presidenti della Repubblica anche il Premio nazionale per la traduzione e il titolo di Cavaliere ufficiale. Collabora con diverse testate giornalistiche italiane.

KorunBarbara Korun, rojena 1963 v Ljubljani, je po diplomi iz slovenistike in primerjalne književnosti poučevala literaturo na ljubljanskih gimnazijah, delala kot lektorica in dramaturginja v različnih gledališčih. Po izidu svoje prve pesniške knjige, za katero je tudi prejela nagrado za najboljši prvenec leta, je začela nastopati kot recitatorka, moderatorka in mentorica kreativnega pisanja. Nastopila je na vseh pomembnejših slovenskih literarnih festivalih ter na mnogih v tujini, dvakrat je pesniško zastopala Slovenijo v projektu Kulturna prestolnica sveta (leta 2005 v Corku na Irskem in 2010 v Ruhru v Nemčiji), njene pesmi so izšle v petdesetih antologijah po svetu v štiriindvajsetih jezikih. Izdala je še dve pesniški zbirki in zbirko poetične proze. Prejela je tudi zlato ptico za literaturo ter Veronikino nagrado za najboljšo pesniško zbirko leta. V italijanščini ima izdani dve dvojezični knjigi: Voglio parlare di te notte, Monologhi (Multimedia Edizioni, Baronissi 2013) v izboru in prevodu Jolke Milič, in Cecica, turbata d’amore (Novi Matajur, Cividale 2014) v prevodu Micheleja Obita, za prvo je lani prejela italijansko nagrado Leandro Polverini.

Barbara Korun è nata nel 1963 a Lubiana in Slovenia, e nella sua città natia, in cui tuttora risiede, si è laureata in Slavistica e Letterature comparate. Fino a qualche anno fa insegnava lettere in vari ginnasi della capitale slovena, dopo ha lavorato in diversi teatri sloveni con l’incarico di curare il linguaggio e l’interpretazione artistica degli attori. Oltre a occuparsi di poesia, che pubblica in molte riviste slovene, scrive anche saggi, recensioni letterarie, critiche teatrali e partecipa a manifestazioni culturali come moderatrice e recitatrice. Nel 1999 ha pubblicato la raccolta di poesia, opera prima premiata, ritenuta la migliore di quell’anno. E infine nel 2011 è uscita la sua ultima silloge, grazie alla quale ha vinto due premi, il premio Zlata ptica (L’uccello d’oro) per la letteratura e il premio Veronika. È presente in una cinquantina di antologie nazionali e internazionali e tradotta in ventiquattro lingue. È stata invitata quale rappresentante poetica della Slovenia nella capitale culturale europea (Cork in Irlandia nel 2005 e Ruhr in Germania nel 2010). In italiano ha pubblicato due raccolte bilingue, per la prima delle quali ha vinto il premio Leandro Polverini: Voglio parlare di notte, Monologhi (multimedia Edizioni, Baronisi 2013), a cura e in traduzione di Jolka Milič, In Cecica, turbata d’amore (Novi Matajur, Cividale 2014) in traduzione di Michele Obit. (Più informazioni su internet www.casadellapoesia.org)

Ravel2Ravel Kodrič – Glasbenik in tolmač, ki so mu ljubezen do slovenščine in italijanščine še kot najstniku v Trstu vcepljali Boris Pahor, Vinko Beličič, Alojz Rebula in Pavle Merkù in se zato od časa do časa rad posladka s književnim, zlasti pesniškim prevajanjem.

Ravel Kodrič – Musicista ed interprete di conferenza cui, adolescente a Trieste, fu inoculato l’amore per lo sloveno e l’italiano da personalita’ quali Boris Pahor, Vinko Beličič, Alojz Rebula e Pavle Merkù ed ama perciò cercar di tanto in tanto sollievo e refrigerio nella traduzione letteraria e soprattutto poetica.

Peter Semolič, foto (c) Nina MedvedPeter Semolič è poeta, scrittore, autore di radiodrammi, saggista e traduttore. Finora ha pubblicato dodici raccolte di poesia e un romanzo per bambini, Tipkarski škrat Pacek. È rappresentato in una cinquantina di antologie sia in Slovenia che all’estero. Ha vinto più premi, tra cui il premio Jenkova nagrada (1997) e Nagrada Prešernovega sklada (2001). È coredattore della rivista internettiana di poesia Poiesis. Vive e lavora a Lubiana come scrittore free lance.

Peter Semolič je pesnik, pisatelj, pisec radijskih iger, esejist in prevajalec. Do zdaj je objavil dvanajst samostojnih pesniških zbirk in roman za otroke Tipkarski škrat Pacek. Uvrščen je v okoli petdeset antologij tako v Sloveniji kot v tujini. Prejel je več nagrad, med drugim Jenkovo nagrado (1997) in nagrado Prešernovega sklada (2001). Je sourednik spletne pesniške revije Poiesis. Živi v Ljubljani kot svobodni književnik.

Marko Sosič- Foto Agnese DivoMarko Sosič, tržaški gledališki režiser in pisatelj, dolgoletni umetniški vodja novogoriškega slovenskega narodnega gledališča in Slovenskega stalnega gledališča v Trstu, dve sezoni tudi Borštnikovega srečanja. Je avtor več radijskih iger, dveh kratkoproznih zbirk Rosa na steklu (1991) in Iz zemlje in sanj (2011) ter štirih odmevnih romanov: Balerina, balerina (1997), Tito, amor mijo (2005), Ki od daleč prihajaš v mojo bližino (2012) in Kratki roman o snegu in ljubezni (2014), ki so mu vsi prinesli nominacijo za nagrado kresnik. Tudi sicer je bil večkrat nominiran za prozo (kritiško sito, nagrada Prešernovega sklada, fabula) in prejel nagrade za gledališko delo. Za prozo je bil nagrajen tako v Sloveniji (Vstajenje) kakor v Italiji (tržaška nagrada Umberto Saba, Premio Città di Salò). V italijanskem prevodu Darje Betocchi lahko beremo romana Ballerina, ballerina (2005) in Tito amor Mijo (2012); prvega je slovenski center PEN kandidiral za nagrado Premio Strega Europeo 2008.

Marko Sosič, regista teatrale e scrittore triestino, pluriennale direttore artistico del Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica e del Teatro Stabile Sloveno di Trieste; per due stagioni è stato anche direttore artistico del festival teatrale nazionale sloveno “Borštnikovo srečanje”. È autore di piú drammi radiofonici, di due raccolte di racconti brevi, Rosa na steklu (1991) e Iz zemlje in sanj (2011), nonché di quattro romanzi: Balerina, balerina (1997), Tito, amor mijo (2005), Ki od daleč prihajaš v mojo bližino (2012) e Kratki roman o snegu in ljubezni (2014) – tutti e quattro i romanzi hanno ricevuto la segnalazione del premio Kresnik per il miglior romanzo sloveno. Oltre a queste ha avuto altre segnalazioni per la narrativa e premi per il teatro ed è stato premiato sia in Slovenia (Premio Vstajenje) che in Italia (Premio Umberto Saba, Premio Città di Salò). Si possono leggere, in traduzione italiana di Darja Betocchi, i romanzi Ballerina, ballerina (Comunicarte edizioni, 2005) e Tito, amor Mijo (Ibiscos Editrice Risolo, 2012), il primo dei quali è stato scelto dal Pen club sloveno a rappresentare la Slovenia al Premio Strega Europeo 2008.

sabina.trzan Sabina Tržan se je rodila v Celju leta 1964. Takoj po končani gimnaziji je odšla v Italijo, kjer je v Firencah študirala francoščino in romunščino in tam tudi ostala. Do 2012 je bila urednica Nikite, zbirke vzhodnoevropskega leposlovja, pri založbi Barbès iz Firenc. Trenutno je svobodna prevajalka. Prevodi v italijanščino: Andrej Blatnik, Spremeni me – Cambiami, Atmosphere Libri 2014; Miha Mazzini, Telesni čuvaj – Mi chiamavano il cane, Nikita Editore 2011; Feri Lainščkek, Nedotakljivi – La storia di Lutvija e del chiodo arroventato, Barbès Editore 2009; Brina Svit, Smrt slovenske primadone – Morte di una primadonna slovena, skupaj s Simonetto Calaon, Zandonai 2007.

Sabina Tržan (nata a Celje nel 1964) ha studiato le lingue francese e rumena a Firenze dove vive tutt’ora. Fino al 2012 è stata redattrice di Nikita, collana di narrativa dell’Europa dell’Est, presso la casa editrice fiorentina Barbès. Attualmente lavora come traduttrice libera professionista. Ha tradotto in italiano: Andrej Blatnik, Spremeni me – Cambiami, Atmosphere Libri 2014; Miha Mazzini, Telesni čuvaj – Mi chiamavano il cane, Nikita Editore 2011; Feri Lainščkek, Nedotakljivi – La storia di Lutvija e del chiodo arroventato, Barbès Editore 2009; Brina Svit, Smrt slovenske primadone – Morte di una primadonna slovena, con Simonetta Calaon, Zandonai 2007.

Obit_15Miha Obit se je rodil leta 1966 v Ludwigsburgu (Nemčija). Odgovorni urednik tednika Slovencev v Videmski pokrajini Novi Matajur, od leta 2002 je predsednik kulturnega društva Ivan Trinko iz Čedada. Od leta 1996 v okviru festivala Stazione di Topolò / Postaja Topolove organizira literarna branja pod naslovom Voci della sala d’aspetto/Glasovi iz čakalnice in je pobudnik in urednik Zbirke Koderjana. Objavil je sedem knjig poezije: Notte delle radici (1988), Per certi versi / Po drugi strani (1995), Epifania del profondo / Epiphanje der Tiefe (Avstrija, 2001),  Leta na oknu (2001), Mardeisargassi (2004), Quiebra-Canto (Kolumbija, 2004), Le parole nascono già sporche (2010). V italijanščino je prevedel večino slovenskih pesnikov mlajše srednje generacije ter jih objavil bodisi v antologijah bodisi v samostojnih zbirkah.

Michele Obit è nato nel 1966 a Ludwigsburg (Germania). È Direttore Responsabile del settimanale degli Sloveni della Provincia di Udine Novi Matajur e, dal 2002, presidente dell’associazione culturale Ivan Trinko di Cividale del Friuli. Dal 1996 organizza, nell’ambito del festival Stazione di Topolò / Postaja Topolove, letture letterarie intitolate Voci della sala d’aspetto/Glasovi iz čakalnice ed è, sempre nell’ambito di questo festival, ideatore e redattore della collana Koderjana. Ha pubblicato sette libri di poesia: Notte delle radici (1988), Per certi versi / Po drugi strani (1995), Epifania del profondo / Epiphanje der Tiefe (Austria 2001),  Leta na oknu (2001), Mardeisargassi (2004), Quiebra-Canto (Colombia 2004), Le parole nascono già sporche (2010). Ha tradotto in italiano la maggior parte dei poeti sloveni della generazione medio-giovane, pubblicandoli sia in antologie che in singole raccolte.

DSC05491 Maria Lucia Riccioli se je rodila v mestu Arhimeda, svete Lucije in Elia Vittorinija. Je gimnazijska profesorica književnosti ter italijanščine in kreativnega pisanja v Sirakuzah. Je tudi zborovska sopranistka, napisala je več besedil za glasbo in posnela cedeje s klaično božično glasbo. Trenutno poje v pevski akademiji Carmelo Mollica. Piše v sicilijanskem narečju in italijanščini, poezijo in prozo (aforizme, pravljice, novele in zgodbe). Objavlja v revijah, antologijah in na spletu (La civetta di Minerva, Notabilis, Letteratitudine in Letteratu). Prejela je več nagrad, npr. za najboljšo recenzijo romanov Agathe Christie pri dnevniku Il Corriere della sera, RomaNoir, Porsche Italia; njena zgodba Dossier Pinocchio, ki je prejela nagrado Carabinieri in giallo 4 uvaja istoimensko antologijo pri založbi Mondadori (2011). Istega leta je izdala odmeven romaneskni prvenec Ferita all’ala un’allodola, ki je prejel nagrado Portopalo – Più a Sud di Tunisi, na Siciliji je bil nominiran na Kaos Festivalu in za nagrado Alessio Di Giovanni a Raffadali. Leta 2014 je izdala kratkoprozno zbirko Quannu ‘u Signuri passava p’’o munnu. Njen najljubši citat: IN OMNIBUS REQUIEM QUAESIVI ET NUSQUAM INVENI NISI IN ANGULO CUM LIBRO (Povsod sem iskal spokoj, pa sem ga našel šele v kotičku knjige).

Maria Lucia Riccioli, nata nella città di Archimede, Santa Lucia ed Elio Vittorini, insegna Lettere nei Licei ed è stata docente di Lingua italiana e scrittura creativa del corso propedeutico al Seminario arcivescovile di Siracusa. Soprano solista in un gruppo vocale, ha composto anche testi per musica ed ha inciso cd di classici natalizi e a tema religioso. Attualmente fa parte dell’Accademia di canto “Carmelo Mollica”. Scrive da sempre, in dialetto siciliano e in lingua, in versi e in prosa: aforismi, fiabe, novelle, racconti. È stata semifinalista al II Campionato nazionale della lingua italiana condotto da Luciano Rispoli (TMC). Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati su periodici e antologie e sul web. Scrive per “La civetta di Minerva” e “Notabilis” e sui litblog “Letteratitudine” e “Letteratu”. Vincitrice di concorsi, tra cui quello per le migliori recensioni dei romanzi di Agatha Christie de “Il Corriere della sera”, RomaNoir e le sfide letterarie di Porsche Italia, il suo racconto “Dossier Pinocchio”, vincitore di “Carabinieri in giallo 4”, ha aperto l’omonima antologia edita ne I Gialli Mondadori, serie oro (luglio 2011). Nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo, “Ferita all’ala un’allodola”, insignito del Premio “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” e apprezzato da pubblico e critica. Il libro è stato rieditato nel giugno 2013, è giunto finalista al Kaos Festival di Montallegro (AG) nel gennaio 2014 e ha ricevuto una segnalazione di merito dalla presidenza del Premio “Alessio Di Giovanni” a Raffadali (AG) nel settembre 2014. Nel 2014 è stata pubblicata la sua raccolta di cunti siciliani “Quannu ‘u Signuri passava p’’o munnu”(Algra Editore). Al Salone del Libro di Torino del maggio 2015 ha presentato in anteprima la sua fiaba “La bananottera” (VerbaVolant edizioni). Citazione preferita: IN OMNIBUS REQUIEM QUAESIVI ET NUSQUAM INVENI NISI IN ANGULO CUM LIBRO.

Andrej Blatnik foto Mateja Jordovič PotočnikAndrej Blatnik ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze della comunicazione. È professore straordinario di Scienze librarie presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Lubiana. In Slovenia, ha pubblicato dodici libri, usciti poi anche all’estero, in tutto finora in più di 25 volumi singoli (in inglese, tedesco, macedone, spagnolo, turco, ceco, croato, italiano [Cambiami, Atmosfere libri, Roma 2014, traduzione di Sabina Tržan], francese, ungherese, ecc…). I suoi racconti  figurano in numerose antologie, tra cui Best European Writing 2010 e Short: Five Centuries of Short Short Stories. Per la sua opera letteraria ha vinto i premi Zlata ptica (1984), Župančičeva nagrada (1991) e il premio del Prešernov sklad (2002). È stato ospite di importanti festival letterari in tutto il mondo. Si è specializzato a più riprese in scrittura creativa negli Stati Uniti e teneva lezioni, come scrittore-ospite, presso la Old Dominion University, Norfolk, Stati Uniti. Dal 2007 è presidente della giuria del premio letterario internazionale Vilenica. Continua ad amare la lettura e i viaggi.

Andrej Blatnik je doktoriral iz komunikologije. Zaposlen je na Filozofski fakulteti v Ljubljani kot izredni profesor za področje knjigarstva. V Sloveniji je izdal dvanajst knjig, ki redno izhajajo tudi v tujini, doslej v več kot 25 samostojnih knjižnih izdajah (po tri v angleščini nemščini in makedonščini, dve v španščini, turščini in češčini, šest v hrvaščini, posamezne knjige v italijanščini (Cambiami, Atmosfere libri, Rim 2014, prevedla Sabina Tržan), francoščini, madžarščini …). Njegove zgodbe so uvrščene v vrsto antologij, med drugim v Best European Writing 2010 in Short: Five Centuries of Short Short Stories. Za literarno delo je prejel nagrado Zlata ptica (1984), Župančičevo nagrado (1991) in nagrado Prešernovega sklada (2002). Bil je vabljeni gost na vrsti osrednjih svetovnih literarnih festivalov. Iz kreativnega pisanja se je večkrat izpopolnjeval v ZDA in kot gostujoči pisatelj predaval na Old Dominion University, Norfolk, ZDA. Od leta 2007 je predsednik žirije mednarodne literarne nagrade Vilenica. Še zmeraj rad bere in potuje.

BiaginiAnna Laura Biagini se je rodila v mestu Ascoli Piceno. Na rimski univerzi La Sapienza je diplomirala iz komunikologije in magistrirala iz gestalt terapije v Teramu. Roman Come la foresta ama il fiume – Storia di una Resistenza (Kakor gozd ljubi reko. Zgodba o odporništvu); leta 2013 je zanj prejela drugo nagrado San Salvo in ga predstavila v več italijanskih mestih. Njeno zbirko zgodb, umeščenih v abruške Apenine, I racconti di Corvino, uporabljajo za branje v vrtcih in osnovnih šolah. Piše tudi za lokalni tisk.

Anna Laura Biagini è nata ad Ascoli Piceno. Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, ha conseguito anche un master in Gestalt Counseling presso l’Aspic di Teramo. Come la foresta ama il fiume – Storia di una Resistenza è il suo romanzo d’esordio, premiato con il 2° posto del Premio Letterario San Salvo nel 2013 e presentato in diverse città italiane. Sua anche la raccolta I racconti di Corvino, storie ambientate sull’Appennino abruzzese, che è stata utilizzata come libro di narrativa per il “Progetto Continuità” presso le classi della scuola materna, elementare e media dell’ISC “Luciani SS. Filippo e Giacomo” nell’anno scolastico 2013/2014. Anna Laura Biagini ha collaborato anche con quotidiani locali. Attualmente scrive per “La Vita Picena”, periodico della Diocesi di Ascoli Piceno.

JosipOsti- foto Igor Isakovski Josip Osti, poeta, narratore, saggista, critico letterario, curatore di antologie e traduttore, nato nel 1945, si è laureato in Lettere e Filosofia ed è stato redattore del giornale studentesco Naši dani, redattore nella casa editrice Veselin Masleša, segretario della Sezione dei Letterati della Città di Sarajevo, direttore della manifestazione letteraria internazionale I giorni della poesia di Sarajevo, segretario dell’Associazione dei Letterati della Bosnia ed Erzegovina, presidente dell’Associazione dei Traduttori Letterari della Bosnia ed Erzegovina e lettore/correttore nella casa editrice Svjetlost. È un libero artista, vive in Slovenia, tra Lubiana e Tomaj sul Carso sloveno. Tra l’altro ha pubblicato più di trenta raccolte di poesia, tre libri di prosa e ventisette libri di saggi. Ha ricevuto diversi premi letterari, tra i quali quello prestigioso di Vilenica (1994). Le sue poesie sono presenti in numerose antologie e tradotte in più lingue. In traduzione italiana menzioniamo Barbara e il barbaro (1995), Il libro dei morti di Sarajevo (1977), l’antologia Con l’oro antico dei ricordi (1977), Poesie (1999) e Confliti – Poesia delle molte guerre (2001), Rosa Mystica (2008), Sence kresnic / Ombre di lucciole (2015) e Nella terra di nessuno / Na nikogaršnji zemlji (2015). Nel 2004 viene pubblicata dalla Multimedia Edizioni l’antologia trilingue L’albero che cammina, la sua raccolta forse più importante e completa pubblicata in Italia, con traduzione in italiano sempre di Jolka Milič.

Josip Osti (1945), pesnik, pisatelj, esejist, literarni kritik, urednik antologij in prevajalec, je bil po diplomi na Filozofski fakulteti urednik študentskega lista Naši dani in založbe Veselin Masleša, tajnik Podružnice sarajevskih pisateljev, vodja mednarodne prireditve Sarajevski dnevi poezije, tajnik Društva pisateljev BiH, predsednik Društva književnih prevajalcev BiH in lektor in korektor pri založbi Svjetlost. Je svobodni umetnik, živi v Ljubljani in Tomaju. Med drugim je izdal več kot trideset pesniških zbirk, tri prozna dela in sedemindvajset esejističnih knjig. Prejel je več literarnih nagrad, med njimi leta 1994 prestižno vileniško. Njegove pesmi najdemo v številnih antologijah in so prevedene v več jezikov. V italijanskem prevodu omenimo Barbara e il barbaro (1995), Il libro dei morti di Sarajevo (1977), antologijo Con l’oro antico dei ricordi (1977), Poesie (1999) in Confliti – Poesia delle molte guerre (2001), Rosa Mystica (2008), Sence kresnic / Ombre di lucciole (2015) in Nella terra di nessuno / Na nikogaršnji zemlji (2015). Leta 2004 je izšla trojezična antologija L’albero che cammina, morda Ostijeva najpomembnejša in popolna zbirka v Italiji, tudi tokrat v italijanskem prevodu Jolke Milič.

jolka kot v knjigi Maje Jolka Milič è nata nel 1926 a Sežana (in Slovenia), dove vive e lavora. È letterata e traduttrice slovena. Traduce prevalentemente poesia dall’italiano in sloveno e viceversa. Ha all’attivo più di una settantina di libri di traduzioni che inoltre ha curato ed è presente in molte riviste slovene con articoli letterari e presentazioni di poeti stranieri, tra i quali primeggiano gli italiani. Ha presentato numerosi poeti sloveni anche in riviste italiane e tradotto molti raccontini per l’infanzia. Ha ottenuto parecchi premi, anche prestigiosi, per la sua opera di traduttrice.

Jolka Milič se je rodila leta 1926 v Sežani, kjer živi in dela. Je slovenska književnica in prevajalka. Prevaja zlasti poezijo iz italijanščine v slovenščino in obratno. Doslej je izšlo več kot sedemdeset zbirk z njenimi prevodi, ki jih običajno tudi uredi, sodeluje pri številnih domačih literarnih revijah s kritičnimi zapisi in predstavitvami tujih pesnikov, med katerimi je največ italijanskih. Kar lepo število slovenskih pesnikov je predstavila tudi v italijanskih revijah in prevedla precej zgodbic za otroke. Za prevajalsko udejstvovanje je prejela kar nekaj nagrad, tudi prestižnih.

Suzana Tratnik, 10.5.2012

Foto di Nada Žgank

Suzana Tratnik (1963) è scrittrice, traduttrice, pubblicista, laureata in Sociologia con master in Antropologia di Genere. Ha pubblicato sei raccolte di racconti (Pod ničlo, Na svojem dvorišču, Vzporednice, Česa nisem nikoli razumela na vlaku, Dva svetova e Rezervat) nonché due romanzi: Ime mi je Damjan e Tretji svet, un monodramma e quattro opere saggistiche. Nel 2007 le è stato assegnato il prestigioso premio letterario sloveno nagrada Prešernovega sklada za literaturo. Ha tradotto opere di prosa di autori britannici e americani, di teatro e testi specialistici.           http://suzanatratnik.si/

Suzana Tratnik (1963) je pisateljica, prevajalka, publicistka ter sociologinja in magistrica antropologije spolov. Objavila je šest kratkoproznih zbirk: Pod ničlo, Na svojem dvorišču, Vzporednice, Česa nisem nikoli razumela na vlaku, Dva svetova in Rezervat, dva romana: Ime mi je Damjan in Tretji svet, monodramo in štiri strokovna dela. Leta 2007 je dobila nagrado Prešernovega sklada za literaturo. Je prevajalka več del britanske in ameriške proze, dramatike in strokovnih besedil.                                                             (http://suzanatratnik.si/)

di enrico chiaretti ago 013.jpeg 33Franca Mancinelli (Fano, 1981) je izdala dve pesniški zbirki, Mala kruna (Manni, 2007; zanjo je prejela nagrado za prvenec L’Aquila in Giuseppe Giusti) in Pasta madre (Nino Aragno editore, 2013; nagrajena z Alpi Apuane, Carducci in Ceppo-giovani). Nekaj pesmi iz njene druge zbirke najdemo v antologiji Nuovi poeti italiani 6, v uredništvu Giovanne Rosadini (Einaudi, 2012). Nastopa v več antologijah, med njimi v Il miele del silenzio. Antologia della giovane poesia italiana, ki jo je uredil Giancarlo Pontiggia (Interlinea, 2009). Kot kritičarka sodeluje z literarnimi revijami in časopisi, mdr. s Poesio.

Franca Mancinelli (Fano, 1981), ha pubblicato due libri di poesie, Mala kruna (Manni, 2007; premio opera prima “L’Aquila” e “Giuseppe Giusti”) e Pasta madre (Nino Aragno editore, 2013; premio “Alpi Apuane”, “Carducci”, “Ceppo-giovani”). Un’anticipazione del suo secondo libro di versi è apparsa in Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini (Einaudi, 2012). Suoi testi sono compresi in diverse antologie tra cui Il miele del silenzio. Antologia della giovane poesia italiana, a cura di Giancarlo Pontiggia (Interlinea, 2009). Collabora come critica con «Poesia» e con altre riviste e periodici letterari.

DOBNIK_nadjaNadja Dobnik (1963) è traduttrice, redattrice e docente all’Università di Lubiana dove insegna traduzione dal francese in sloveno. Tra l’altro ha tradotto libri di poesia di Philippe Jaccottet, Yves Bonnefoy, Jacques Roubaud, André Velter, Fabio Scotto, Fabrizio Dall’Aglio e romanzi di Antonio Tabucchi, Patrick Modiano e Andreï Makine. E cofondatrice dell’associazione letteraria Hiša poezije (Casa della poesia) e membro della redazione della rivista Poetikon.

Nadja Dobnik (1963) je prevajalka, urednica in lektorica za francoski jezik. Na Univerzi v Ljubljani poučuje prevajanje iz francoščine v slovenščino. Med drugim je objavila več knjižnih prevodov sodobnih francoskih in italijanskih pesnikov (Philippe Jaccottet, Yves Bonnefoy, Jacques Roubaud, André Velter, Fabio Scotto, Fabrizio Dall’Aglio) in pisateljev (Antonio Tabucchi, Patrick Modiano, Andreï Makine). Je soustanoviteljica književnega društva Hiša poezije in članica uredništva revije Poetikon.

Moretti

Marina Moretti živi v Trstu, kjer poučuje na gimnaziji. Kot pesnica je objavila: Creature d’un giorno, Ibiskos 2002; La vita al margine, Ibiskos 2006 (nagrada Umberto Saba, Scritture di Frontiera), s predgovorom P. Matvejevića; Ri-Oriente, Hammerle 2008; Portolano del tempo/ Pristani časov, Hammerle 2009; Atlantidi, Ellerani 2010. Urejuje zbirko “poesia sin pureza” za Ellerani│Editore. Z Geraldom Parksom e Aleksijem Pregarcem je uredila antologijo Trieste- european poetry, Hammerle 2004; posmrtno izdajo pesmi Paolo Universo Dalla parte del fuoco, Hammerle 2005; z Elviro Dolores Maison de Prenz italijansko-argentinsko pesniško antologijo Io è un altro/Yo es otro, L’Harmattan Italia 2006; Elderly poetry – aetas poetica, Kappa Vu 2007 (antologija besedil varovancev v zavodih za starejše); knjižico Poeti per la pace – Io è un Altro, ediz. Nota, Videm 2007. Antologijo njenih besedil v španskem prevodu je uredila Elvira Maison de Prenz: Lugares Recobrados, Talida Dorada, Buenos Aires 2012. Njena besedila najdemo v antologijah, domačih in tujih revijah, v slovenščini (Primorska srečanja, SRP), nemščini, angleščini, španščini, srbohrvaščini in albanščini. O njej je pisalo več literarnih kritikov. Z besedili nastopa tudi v katalogih k razstavam Postaja Topolove/Stazione di Topolò XV (2008) in Nel segno di Carmelo Zotti, arte e poesia (Ellerani 2009) “Anima Vagans” (Ellerani 2010). Je sourednica revije Paesaggi di Resistenza in je bila sodelavka revije Trieste arte e cultura (Hammerle), s pesnikom A. Pregarcem pa sourednica besedil za cd Equinozi/ Enakonočja (Nota Book, Videm), z glasbo Alfreda Lacosegliaz. Gledališke verzije njenih pesmi je uprizoril Laboratorio 10002, Ortoteatro, Pordenone. Urejuje Dialoghi dei Poeti dell’Euroregione pri Italijanski skupnosti in italijanskih inštitutih območja Alpe Adria. Je med ustanoviteljicami pesniškega festivala FlussiDiVersi (Caorle, Benetke).

Marina Moretti, vive a Trieste dove insegna presso i licei. In poesia ha pubblicato: Creature d’un giorno, Ibiskos 2002; La vita al margine, Ibiskos 2006 (Premio Umberto Saba, Scritture di Frontiera), con prefazione di P. Matvejević; Ri-Oriente, Hammerle 2008; Portolano del tempo/ Pristani časov, Il Nuovo Timavo – Traduzioni 2, Hammerle 2009 (testi tradotti in sloveno); Atlantidi, Ellerani 2010. Dirige la collana di “poesia sin pureza” per i tipi di ElleraniEditore. Ha inoltre curato con Gerald Parks e Aleksij Pregarc, Trieste- european poetry, Hammerle 2004 (antologia); la pubblicazione postuma del poema di Paolo Universo Dalla parte del fuoco, Hammerle 2005; insieme a Elvira Dolores Maison de Prenz, Io è un altro/Yo es otro (antologia poetica italo-argentina), L’Harmattan Italia 2006; Elderly poetry – aetas poetica, Kappa Vu 2007 (antologia di testi di ricoverati in strutture protette); il booklet Poeti per la pace- Io è un Altro, ediz. Nota, Udine 2007. Un’antologia di suoi testi tradotti in spagnolo è stata curata da Elvira Maison de Prenz: Lugares Recobrados, Talida Dorada, Buenos Aires 2012. Suoi testi compaiono su antologie e riviste, regionali e straniere, tradotti in sloveno (Primorska srečanja, SRP), tedesco, inglese, spagnolo, serbo-croato e albanese.  Di lei hanno scritto diversi critici letterari. Compare con testi nel catalogo della rassegna artistica Postaja Topolove/Stazione di Topolò XV (2008) e della mostra Nel segno di Carmelo Zotti, arte e poesia, Ellerani 2009 e della mostra d’arte e poesia “Anima Vagans”, Ellerani 2010; è coeditor della rivista Paesaggi di Resistenza ed è stata collaboratrice di Trieste arte e cultura per la Hammerle editori di Trieste; autrice insieme al poeta A. Pregarc dei testi del cd Equinozi/ Enakonočja per l’editrice Nota Book di Udine con musiche di Alfredo Lacosegliaz.  Versioni teatrali di suoi testi poetici sono state realizzate dal Laboratorio 10002 dell’Ortoteatro di Pordenone. Cura i “Dialoghi dei Poeti dell’Euroregione” presso le Comunità degli Italiani  e gli Istituti Italiani di Cultura dell’Alpe Adria. É tra i fondatori ed è presente al Festival poetico di Caorle (Venezia) “FlussiDiVersi”.

TFTone Frelih è regista cinematografico con master in drammaturgia cinematografica, autore di numerosi film documentari, per i quali è spesso stato premiato con riconoscimenti internazionali. È autore di sei radiodrammi, sette romanzi gialli, tre libri monografici su autori cinematografici (Bert Sotlar, France Štiglic, Vojko Duletič), racconti brevi e numerosi saggi letterari.

Tone Frelih je filmski režiser in magister filmske dramaturgije, avtor mnogih dokumentarnih filmov, za katere je prejel številne mednarodne nagrade, avtor šestih radijskih iger, sedmih romanov (Triinšestdeset stopnic: (parabola), 1974; Samomor upokojenega sodnika, 1993; Usodna laž, 2010; Truplo ob progi, 2011; Zamolčana resnica, 2012; Grožnja s smrtjo, 2013; Umor v galeriji, 2015), treh monografskih knjig o filmskih avtorjih (Bert Sotlar, France Štiglic, Vojko Duletič), kratkih zgodb in številnih literarnih esejev.

PepelnikAna Pepelnik è nata nel 1979 a Ljubljana dove vive e lavora. Ha pubblicato per «LUD Literatura» tre libri di poesia: Ena od variant kako ravnati s skrivnostjo (Una delle varianti su come trattare il mistero), 2007; Utrip oranžnih luči na semaforjih (Palpito delle luci color arancione sui semafori), 2009 e Cela večnost (Una intera eternità), 2013. Ha tradotto poeti contemporanei americani come James Schuyler, Elizabeth Bishop, e voci della generazione degli anni ’60-’70 tra cui Joshua Beckman, Matthew Zapruder, Matthew Rohrer, Noelle Kocot, Jennifer Clement. Collabora con la radio indipendente della capitale slovena (Radio Študent) ed è coinvolta in vari eventi di ricerca tra parola / suono / silenzio / rumore, come ad esempio nel progetto internazionale Metropoetica, ma per lo più opera nel gruppo CPG, insieme a Primož Čučnik e Tomaž Grom. Sue poesie tradotte in italiano da Jolka Milič si possono leggere nell’antologia Poezija – bla, bla, bla od A do …? / Poesia – bla, bla, bla dalla A alla …? e nel n. 32 ottobre/dicemre 2013 della rivista «fili d’aquilone»: http://www.filidaquilone.it/num032milic.html

Ana Pepelnik (1979), živi in dela v Ljubljani. Pri LUD Literatura je izdala tri pesniške zbirke: Ena od variant kako ravnati s skrivnostjo, 2007; Utrip oranžnih luči na semaforjih, 2009 in Cela večnost, 2013. Prevedla je sodobne ameriške pesnike, kot sta James Schuyler in Elizabeth Bishop, in predstavnike generacije 60. in 70. let, med njimi Joshuo Beckmana, Matthewa Zaprudera, Matthewa Rohrerja, Noelle Kocot in Jennifer Clement. Sodeluje z Radiem Študent in pri performansih, ki povezujejo besede, tišino, hrup (npr. mednarodni projekt Metropoetica, skupina CPG, s Primožem Čučnikom in Tomažem Gromom). Nekaj njenih pesmi, ki jih je v italijanščino prevedla Jolka Milič, lahko beremo v antologiji Poezija – bla, bla, bla od A do …? / Poesia – bla, bla, bla dalla A alla …? in v št. 32 (oktober/december 2013) revije Fili d’aquilone: http://www.filidaquilone.it/num032milic.html.

Evelina

Evelina Umek è nata a Trieste nel 1939. Dopo la maturità classica a Trieste si è laureata in slavistica all’Università di Lubiana. Dapprima ha lavorato nell’ambito dell’editoria, successivamente per la televisone slovena, dedicandosi soprattutto ai programmi per l’infanzia e la gioventù. Ha scritto diversi libri per i ragazzi (Klatimaček Grof, Capek in Klara, Slovar radovednega Tačka, Taček v gledališču, Taček v galeriji ecc.) ed ha tradotto dall’italiano allo sloveno le opere di Gianni Rodari, Marcello Argilli, Italo Calvino, Dacia Maraini e il best seller di Renato Ferrari Il gelso dei Fabiani. Presso la casa editrice Mladika di Trieste sono usciti due suoi libri per ragazzi Sprehod z baronom (A spasso con il barone) e Malka gre v Trst (Malka va a Trieste) e diversi libri per adulti: la raccolta di novelle Mandrija in druge zgodbe (Mandria ed altri racconti) e i romanzi Frizerka (La parrucchiera, tradotta in italiano), Hiša na Krasu (La casa sul Carso), Zlata poroka ali Tržaški blues – (Le nozze d’oro ovvero Blues triestino), il romanzo biografico Po sledeh fate morgane (Sulle orme della fata morgana – biografia romanzata della scrittrice Marica Nadlišek Bartol, madre dell’affermato scrittore sloveno Vladimir Bartol) e il romanzo Sidrišče spomina (L’ancoraggio della memoria). Per la raccolta di novelle Mandrija in druge zgodbe ha ricevuto nel 2004 il premio letterario Vstajenje.

Evelina Umek se je rodila leta 1939 v Trstu. Po maturi na klasičnem liceju v rojstnem mestu je študirala v Ljubljani, kjer je dilomirala na Oddelku za slavistiko Filozofske fakultete. Najprej se je zaposlila v založništvu, nato na Otroškem in mladinskem programu RTV Slovenija. Napisala je več knjig za otroke (Klatimaček grof, Capek in Klara, Slovar Radovednega Tačka, Taček v gledališču, Taček v galeriji itn.) in veliko prevajala iz italijanščine v slovenščino (Giannija Rodarija, Itala Calvina, Dacio Maraini in uspešnico Renata Ferrarija Murva Fabianijevih). Pri založbi Mladika je z ilustratorko Živo Pahor izdala mladinski knjigi Sprehod z baronom in drugimi imenitnimi Slovenci in Malka gre v Trst. Za odrasle je napisala zbirko novel Mandrija in druge zgodbe, romane Frizerka, Hiša na Krasu, Zlata poroka ali tržaški blues, Sidrišče spomina in biografski roman o Marici Nadlišek Bartol Po sledeh fate morgane. Za zbirko zgodb Mandrija je leta 2004 prejela nagrado vstajenje. Redno piše za tržaški radio in revijo Galeb.

DSCF2731Andraž Polič è poeta, musicista, compositore e attore. Finora ha pubblicato tredici raccolte di poesia; l’ultima, Ona je mesto, è uscita nel 2013. Molte delle sue poesie sono tradotte in lingue straniere. È ricca anche la sua produzione musicale: ha scritto musica per piú di dieci spettacoli teatrali in Slovenia e all’estero e per alcune pellicole. Nel 2002 ha fondato il gruppo Hamlet ekspress con la quale ha pubblicato diversi cd. Ha collaborato anche al progetto «Odpeti». È membro della rivista Poetikon. Dal 2009 vive e lavora a Praga dove si esibisce nel Divadlo Kompa (Siesto teatro), insieme a Nataša Burger nel duetto Duo La Boheme o da solo come Polo De Bard.

Andraž Polič je pesnik, glasbenik, skladatelj in igralec. Do zdaj je objavil trinajst pesniških zbirk, zadnja, Ona je mesto, je izšla leta 2013. Več njegovih pesmi pa je prevedenih v tuje jezike. Bogat je tudi njegov glasbeni opus, saj je ustvaril glasbo za več kot deset gledaliških predstav doma in v tujini ter za nekatere filme. Leta 2002 je ustanovil skupino Hamlet ekspress, s katero je izdal več zgoščenk. Sodeloval je tudi pri projektu »Odpeti«. Je član revije Poetikon. Od leta 2009 živi in ustvarja v Pragi, kjer nastopa v Divadlo Kompa (Siesto teatro) skupaj z Natašo Burger v duetu Duo La Boheme ali pa samostojno kot Polo De Bard.

t_skrjanec_gal_rszTone Škrjanec (Lubiana, 1953), poeta e traduttore, ha pubblicato nove raccolte di lirica, la prima, Blues zamaha, nel 1997, e l’ultima, Sladke pogačice, nel 2015. Nel 2012 è uscito il volume con le sue poesie scelte, V zraku so šumi: izbrane in zelo stare pesmi. All’estero sono usciti sette suoi libri di poesia ed è rappresentato in numerose antologie in Slovenia e altrove. Ha pubblicato anche un disco di musica, Lovljenje ritma, e ha collaborato alla realizzazione di due dischi di musica e poesia (Košček hrupa in ščepec soli, Pri besedi z glasom in zvokom). Traduce poesia in sloveno dall’inglese, dal croato e dal serbo.

Tone Škrjanec (Ljubljana, 1953), pesnik in prevajalec. Doslej je objavil devet samostojnih pesniških zbirk, prvo Blues zamaha leta 1997, zadnjo Sladke pogačice leta 2015. Leta 2012 je izšla knjiga njegovih izbranih pesmi V zraku so šumi: izbrane in zelo stare pesmi. V tujini je bilo izdanih sedem knjig njegovih pesmi, uvrščen je bil v številne domače in tuje antologije. Izdal je tudi ploščo poezije z glasbo Lovljenje ritma in sodeloval na dveh kompilacijskih ploščah poezije z glasbo (Košček hrupa in ščepec soli, Pri besedi z glasom in zvokom). Kot prevajalec iz angleškega, hrvaškega in srbskega jezika se ukvarja predvsem s poezijo.

PRPatrizia Raveggi (Siena), je bila med letoma 2003 in 2008 direktorica Italijanskega kulturnega inštituta, kulturna atašejka na italijanskem veleposlaništvu v New Delhiju in kulturna koordinatorka za Indijo, Singapur e Džakarto. Takoj zatem je bila kulturna koordinatorka v Egiptu in vodja italijanskih kulturnih inštitutov v Tripoliju, Damasku, Alžiru, Maroku, Tunisu, Izraelu, Addis Abebi, Nairobiju in Pretoriji). Pred tem je vodila italijanske kulturne inštitute v Teheranu, Nairobiju, Singapurju in Zagrebu. V Rimu ji je minister za kulturo zaupal projekt v zvezi z jezikovnimi in kulturnimi manjšinami v Italiji, s katerim naj bi pridobili informacije in ocene za morebitno sprejetje ukrepov v prid slovenski in hrvaški manjšini. Od osemdesetih si prizadeva za promocijo slovenske literature v Italiji s prevajanjem slovenskih avtorjev (mdr. Cirila Kosmača in Frana Levstika). Glava področja njenega zanimanja so sodobna literatura, umetnost in kult lepote, o katerih je mdr. napisala več izvirnih in kritiških prispevkov.

Patrizia Raveggi, nata a Siena, su nomina del Ministero degli Esteri dal 2003 al 2008 è stata Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Addetto Culturale presso l’Ambasciata Italiana di Nuova Delhi e Coordinatrice Culturale per l’India, Singapore e Giacarta;  immediatamente dopo è stata inviata a coprire una analoga posizione in Egitto (Coordinatrice Culturale in Egitto, con supervisione degli Istituti Italiani di Cultura di Tripoli, Damasco, Algeri, Marocco, Tunisi, Israele, Addis Abeba, Nairobi e Pretoria). Prima di ciò ha diretto gli Istituti Italiani di Cultura di Teheran, Nairobi, Singapore e Zagabria. A Roma, il Ministro degli Esteri italiano l’ha incaricata di portare avanti un progetto riguardante le minoranze linguistiche e culturali presenti in Italia ed avente il compito di fornire informazioni e valutazioni per la possible adozione di misure a beneficio delle minoranze slovena e croata. Sin dagli Anni Ottanta si impegna nella promozione della Letteratura slovena in Italia, per mezzo di traduzioni di Autori sloveni in italiano (Ciril Kosmač e Fran Levstik, solo per citare i nomi più noti). I suoi principali campi d’interesse sono la Letteratura contemporanea, le arti e il culto della bellezza, sui quali (oltre che su altri soggetti) ha scritto numerosi scritti sia creativi che critici.

KT1Kaja Teržan (1986) è una creatrice e perfomer; una volta si occupava soprattutto di danza ma poi la vita volle che il ballo cedesse posto alla poesia ovvero si trasformasse in essa. È nata così la raccolta di poesie Delta, uscita presso il Center za slovensko književnost. Lavora in un asilo nido.

Kaja Teržan (1986) je ustvarjalka; med drugim performerka, ki je nekoč predvsem plesala, toda življenje je hotelo, da se ples umakne poeziji oz. pretvori vanjo. Tako je nastala pesniška zbirka Delta, ki je izšla lansko leto pri Centru za slovensko književnost. V obveznem prostem času hodi v službo v vrtec.

marella

Marella Nappi je na Univerzi v Pavii diplomirala iz klasične filologije. Petnajst let je živela v Parizu, kjer je doktorirala iz antropologije, zgodovine in antične grške književnosti na več univerzah (École Normale Supérieure, École des hautes études en sciences sociales, Paris X, Paris III, itn.). Kot strokovnjakinja za Homerja in grško tragedijo podrobneje preučuje ženske glasove in status žensk v antiki. Izdala je več knjig (Ulysse; Professionnelles de l’amour) in je s prispevki o mitologiji in zgodovini žensk sodelovala pri revijah in enciklopedijah (pred nedavnim za La grande storia. L’Antichità, ki jo je vodil Umberto Eco pri časopisu Corriere della sera, in za Dictionnaire universel des Créatrices). Že leta dela kot književna prevajalka (prevedla je predvsem eseje in romane iz francoščine). Prejela je pomembne nagrade na več literarnih natečajih, njene pesmi pa najdemo v novejših antologijah sodobne poezije. Pesniška zbirka Vagiti del tempo je izšla leta 2015.

Laureata in Lettere classiche all’Università di Pavia, Marella Nappi ha vissuto per quindici anni a Parigi, dove ha conseguito un dottorato in antropologia, storia e letteratura greca antica e ha insegnato in diverse università (École Normale Supérieure, École des hautes études en sciences sociales, Paris X, Paris III, ecc.). Studiosa di Omero e della tragedia greca, Marella Nappi si è specializzata nello studio delle voci femminili e dello statuto delle donne nell’antichità classica. Ha inoltre pubblicato diversi libri (Ulysse; Professionnelles de l’amour) e collaborato a riviste ed enciclopedie su argomenti di mitologia e di storia delle donne (recenti sono i contributi a La grande storia. L’Antichità, diretta da Umberto Eco e diffusa dal Corriere della sera, e al Dictionnaire universel des Créatrices). Lavora da diversi anni come traduttrice letteraria (ha tradotto in particolare saggi e romanzi dal francese). Ha ricevuto importanti riconoscimenti in diversi concorsi letterari e sue poesie figurano in recenti antologie di poeti contemporanei. Il suo libro di poesie Vagiti del tempo è uscito nel 2015.

zpevec-fotoZoran Pevec, nato nel 1955 a Celje, poeta, critico, saggista, redattore. Ha conseguito lo studio post-laurea in letteratura. È membro dell’Associazione degli Scrittori Sloveni, redattore responsabile della rivista letteraria Vpogled e membro del consiglio redazionale della rivista Poetikon e della rivista Lirikon 21. I suoi articoli da studioso di letteratura escono sulle riviste Apokalipsa, Poetikon e Lirikon, le sue recensioni, prevalentemente quelle riguardanti le raccolte poetiche, invece, sul quotidiano Večer e su diverse altre riviste letterarie. È stato membro della giuria del Premio di Poesia Veronika e due volte è stato selezionato come critico del Festival di Poesia e Critica Pranger. Ha ricevuto il terzo premio del concorso Il Mese Europeo della Cultura di Lubiana, il primo premio della commissione nell’ambito del Torneo di Poesia di Maribor, e nel 2013, al Lirikonfest Internazionale di Velenje il Premio per la migliore opera omnia del primo decennio del XXI secolo («Čaša nesmrtnosti»); in quest’occasione sono uscite cinquanta sue poesie scelte. Finora ha pubblicato sette raccolte di poesia e un manuale sulla scrittura della poesia (Kako narediti pesem). Le sue poesie sono uscite su riviste in diverse lingue; in volume, le sue poesie scelte sono state pubblicate in inglese nel 2010 e in croato nel 2015.

Zoran Pevec, rojen 1955 v Celju, pesnik, kritik, esejist, urednik. Končal je znanstveni podiplomski magistrski študij književnosti. Je član Društva slovenskih pisateljev, kjer je predsednik Komisije za prireditve, je odgovorni urednik revije za književnost Vpogled in član uredniškega sveta revije Poetikon ter revije Lirikon 21. Strokovne članke objavlja v revijah Apokalipsa, Poetikon in Lirikon, recenzije večinoma pesniških zbirk v časniku Večer in v več književnih revijah. Bil je v žiriji za Veronikino nagrado, dvakrat pa je bil tudi izbrani kritik na kritiško-pesniškem festivalu Pranger. Prejel je tretjo nagrado na natečaju za Evropski mesec kulture v Ljubljani, prvo nagrado strokovne komisije na pesniškem turnirju v Mariboru, leta 2013 pa je na mednarodnem Lirikonfestu v Velenju prejel nagrado za vrhunski 10-letni pesniški opus v XXI. stoletju »čaša nesmrtnosti«; ob tej priložnosti mu je izšel izbor petdesetih izbranih pesmi. Doslej je izdal sedem pesniških zbirk in priročnik za pisanje poezije Kako narediti pesem. Njegove pesmi so revijalno prevedene v več tujih jezikov,  knjižni izbor v angleščini je izšel leta 2010, v hrvaščini pa leta 2015.

fotkemiriamdrev-008Sono i libri il modus vivendi di Miriam Drev (nata a Lubiana, con radici che risalgono ad Aurisina), poetessa, scrittrice e traduttrice letteraria dall’inglese e dal tedesco, critica letteraria e giornalista. La sua opera da traduttrice conta più di novanta pubblicazioni ed è merito suo se numerosi autori stranieri sono usciti in sloveno per la prima volta. Ha tradotto in inglese anche una serie di saggi di autori sloveni. Ha vissuto per sette anni a Vienna dove hanno visto la luce un libricino per bambini Šviga gre lužat (1995) e la sua prima raccolta di poesie Časovni kvadrat (2002). Sono seguiti i libri di poesia Rojstva (2007), Vodna črta (2008) e Sredi kuhinje bi rasla češnja (2012). Ha pubblicato due romanzi: V pozlačenem mestu (2012) e Nemir (2014). È anche autrice di numerose postfazioni e recensioni letterarie, moderatrice di serate letterarie e curatrice di presentazioni di altri autori. Le sue poesie, tradotte in inglese in Voices of Slovene Poetry 3, figurano in più antologie e sono state pubblicate in diverse riviste all’estero.

Modus vivendi Miriam Drev, rojene v Ljubljani, njene korenine pa segajo v Nabrežino, pesnice, pisateljice ter književne prevajalke iz angleščine in nemščine kot tudi kritičarke in publicistke, so knjige. Njen prevodni opus šteje več kot deveteset izdaj; številni avtorji so v slovenskem jeziku izšli prvič na njeno pobudo; niz esejev slovenskih piscev je prevedla tudi v angleščino. Sedem let je preživela na Dunaju, kjer sta nastali otroška knjižica Šviga gre lužat (1995) in okvirno njena prva pesniška zbirka Časovni kvadrat (2002). Sledile so zbirke poezije Rojstva (2007), Vodna črta (2008) in Sredi kuhinje bi rasla češnja (2012). Objavila je dva romana: V pozlačenem mestu (2012) in Nemir (2014). Je tudi avtorica številnih spremnih besed, literarnih večerov, literarnih portretov in književnih kritik. Njene pesmi so prevedene v angleščino v Voices of Slovene Poetry 3, uvrščene v več antologij in v tujini objavljene revijalno.

kravos2Marko Kravos, poeta sloveno, scrittore per l’infanzia, traduttore dall’italiano, spagnolo, serbocroato di Trieste. Nato nel 1943, per 25 anni direttore editoriale, poi professore slavista all’università di TS, scrittore di professione. Vive a Trieste, fece o fa ancora parte dei direttivi delle organizzazioni culturali, riviste e associazioni scrittori (svolse il ruolo di segretario della Associazione scrittori sloveni di Lubiana e fu per due mandati presidente del Centro PEN sloveno). Ha pubblicato 22 raccolte di poesia, una quindicina di edizioni di prosa per l’infanzia,10 sceneggiati radiofonici, un romanzo. Le sue opere sono state tradotte in 27 lingue, apparse in antologie, riviste ed edizioni librarie. Scrive in sloveno, spesso le sue opere vengono pubblicate bilingui. Premi:Premio Fondazione Prešeren 1982,  L’Astrolabio d’oro a Pisa nel 2000, Premio Calabria nel 2007, a Trieste il Premio Scritture di frontiera 2008, Veronikin Zlatnik per la poesia 2016. Pubblicazioni recenti: Poesia: Sale sulla lingua / Sol na jezik, bilingue, Trieste 2013; V kamen, v vodo, – antologica, Ljubljana 2013; Impulsi di copia / Parni zagon, bilingue, Catania 2012; Poesias, Buenos Aires slov.-spagnolo, 2011, So na jezik, Banja Luka, in serbo, 2016, U kamen, u vodu, in serbo, Beograd 2016. Prosa per l’infanzia, testi radiofonici e teatro: Sedem mičnih, jezičnih, junaških, Ljubljana 2014; L’età dei geni /Leta genijev, bilingue, Trieste 2014. Testo libero su http://www.jezik-lingua.eu/ProxyVFS.axd?snode=14131&stream=  Traduzioni dall’italiano: S. Slataper, Il mio Carso / Moj Kras, ed. bilingue, Trieste 2015.

Marko Kravos (1943), tržaški pesnik, pisatelj, otroški avtor in prevajalec iz italijanščine, španščine in srbohrvaščine. 25 let je delal kot urednik, potem kot profesor slavist na tržaški univerzi in kot poklicni pisatelj. Živi v Trstu. Je oziroma je bil član in vodja kulturnih organizacij, revij in pisateljskih združenj (bil je tajnik DSP in dva mandata predsednik Slovenskega centra PEN). Izdal je 22 pesniških zbirk, kakih petnajst proznih del za otroke, deset radijskih iger in roman. Njegova dela so prevedana v 27 jezikov in objavljena v antologijah, revijah in knjižnih izdajah. Piše v slovenščini, izdaje njegovih del pa so pogosto dvojezične. Prejel je nagrado Prešernovega sklada 1982; L’Astrolabio d’oro, Pisa, 2000; Premio Calabria, 2007; Premio Scritture di frontiera, Trst, 2008; Veronikin Zlatnik poezije, 2016. Novejše objave: Poezija: Sale sulla lingua / Sol na jezik, dvojezična izdaja, Trst 2013; V kamen, v vodo, (avtorski izbor), Ljubljana 2013; Impulsi di copia / Parni zagon, dvojezična izdaja, Catania 2012; Poesias, Buenos Aires slov.-španska izdaja, 2011, So na jezik, Banja Luka, v srbščini, 2016, U kamen, u vodu, v srbščini, Beograd 2016. Proza za otroke, besedila za radio in gledališče: Sedem mičnih, jezičnih, junaških, Ljubljana 2014; L’età dei geni /Leta genijev, dvojezična izdaja, Trst 2014. Dostopno na http://www.jezik-lingua.eu/ProxyVFS.axd?snode=14131&stream= Prevodi iz italijanščine: S. Slataper, Il mio Carso / Moj Kras, dvojezična izdaja, Trst 2015.

Afro

Afro Somenzari (1955) je imel od leta 1973 več samostojnih razstav v Italiji in tujini. Med letoma 1988 in 1995 je vodil mestno galerijo Bedoli v Viadani. Leta 1994 je z Enricom Bajem in Ugom Nespolom ustanovil Istituto Patafisico Vitellianense. Leta 1998 je bil kurator festivala Patafisica Eventi e Venti v Pomponescu, leta 2001 pa festivala Patafluens di Casalmaggiore. Od leta 1998 skrbi z Albertom Casiraghyjem za številne edicije založbe Pulcinoelefante. Med letoma 2001 in 2012 je bil vodja kulturnih dejavnosti MuVi (Musei Viadana). Leta 2009 je ustanovil FUOCOfuochino – najrevnejšo založbo na svetu. Bibliografija: Uno solo di noi, Il Girasole, Catania, 1993, pesniška zbirka; In caso di silenzio, MUP Editore, Parma, 2005, pesniška zbirka; Da zero a Fuma. – Grandezze e miserie nell’Arte di Daniele Lorenzo Fumagalli, monografija, Arti Grafiche Castello, 2010; ‘Patafisica, anche. – Manovella di aggiornamento, MUP Editore, monografija, Parma, 2011; Intanto che (s slikami Lucie Pescador), Alla pasticceria del pesce, 2012; Rifare, Gattili, 2014.

Afro Somenzari, Viadana 1955. Dal 1973, data della sua prima mostra, tiene personali in Italia e all’estero. Dal 1988 al 1995 è direttore della Galleria Civica Bedoli di Viadana. Nel 1994 fonda, con Enrico Baj e Ugo Nespolo, l’Istituto Patafisico Vitellianense. Nel 1998 cura l’edizione del festival ‘Patafisica Eventi e Venti di Pomponesco (Mn) e nel 2001 ‘Patafluens di Casalmaggiore (Cr). Dal 1998 realizza numerose edizioni con Alberto Casiraghy per la casa editrice Pulcinoelefante. Dal 2001 al 2012 è direttore per le attività culturali del MuVi (Musei Viadana). Nel 2009 fonda FUOCOfuochino – la più povera casa editrice del mondo. Bibliografia: Uno solo di noi, Il Girasole, Catania, 1993,  plaquette di poesie con una nota di Frediano Sessi; In caso di silenzio, MUP Editore, Parma, 2005, plaquette di poesie con prefazione di Valentina Fortichiari; Da zero a Fuma. – Grandezze e miserie nell’Arte di Daniele Lorenzo Fumagalli, monografia, Arti Grafiche Castello, 2010; Patafisica, anche. – Manovella di aggiornamento, MUP Editore, monografia, Parma, 2011; Intanto che (con tavole di Lucia Pescador), Alla pasticceria del pesce, 2012; Rifare, Gattili, 2014.

Cilento Antonella, scrittrice, occhiali, mano, orecchini © 2011 Giliola CHISTE

Cilento Antonella, scrittrice, occhiali, mano, orecchini © 2011 Giliola CHISTE

Antonella Cilento (Neapelj, 1970) je bila leta 2014 med peterico finalistov za nagrado strega z romanom Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori). Istega leta je prejela Boccaccievo nagrado. Leta 2015 je izdala Bestiario napoletano (Laterza) in La madonna dei mandarini (NN editore), pred tem pa za založbo Guanda Una lunga notte (nagradi Fiesole in Viadana), Neronapoletano, L’amore, quello vero, Isole senza mare, Asino chi legge, La paura della lince (Rogiosi), pa tudi Il cielo capovolto (Avagliano), Non è il Paradiso (Sironi), Napoli sul mare luccica (Laterza), Nessun sogno finisce (Giannino Stoppani,  nagrada Giulitto). Od leta 1993 po vsej Italiji poučuje kreativno pisanje za Lalineascritta Laboratorio di Scrittura (www.lalineascritta.it). Njeni romani so prevedeni v španščino, francoščino, nemščino, litovščino, korejščino in ruščino. Prevode njenih zgodb najdemo v Journal intime et politique, Italia, HB Editions (Francija), v After the War (v uredništvu Marthe King), v Italica Press (ZDA) in v Giro d’Italia, Hedendaagse italiaanse schrijvers over hun land, Libreria Bonardi (Nizozemska). Kot novinarka piše za časnik Il Mattino, revijo L’Indice dei libri del mese in revijo Grazia.

Antonella Cilento (Napoli, 1970) scrittrice, è stata nel 2014 fra i cinque finalisti del Premio Strega con Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori), vincitore del Premio Boccaccio 2014. Ha pubblicato nel 2015 Bestiario napoletano (Laterza) e La madonna dei mandarini (NN editore) e, in precedenza, per Guanda Una lunga notte (Premio Fiesole, Premio Viadana), Neronapoletano, L’amore, quello vero, Isole senza mare, Asino chi legge, La paura della lince (Rogiosi) e, ancora, Il cielo capovolto (Avagliano), Non è il Paradiso (Sironi), Napoli sul mare luccica (Laterza), Nessun sogno finisce (Giannino Stoppani, Premio Giulitto). Insegna scrittura creativa dal 1993 in tutt’Italia per Lalineascritta Laboratorio di Scrittura (www.lalineascritta.it). I suoi romanzi sono tradotti in Spagna, Francia, Germania, Lituania, Corea e Russia. Suoi racconti sono tradotti in Journal intime et politique, Italia, HB Editions (France), in After the War, a cura di Martha King, Italica Press (USA) e in Giro d’Italia, Hedendaagse italiaanse schrijvers over hun land, Libreria Bonardi (Olanda). Come giornalista, collabora attualmente con “Il Mattino”, “L’Indice dei libri del mese” e “Grazia”.

Boris A. Novak 005 foto Tihomir Pinter

Foto di Tihomir Pinter

Boris A. Novak è poeta, saggista, drammaturgo, traduttore e scrittore per ragazzi. Nato a Belgrado nel 1953, dove ha trascorso l’infanzia, si è poi trasferito in Slovenia, a Lubiana, dove si è laureato in Letteratura Comparata e Filosofia. Ha lavorato nel Teatro Nazionale Sloveno e per dieci anni è stato redattore letterario per ragazzi. Con la tesi “Ricettività delle forme poetiche romanze nella poesia slovena” (edita nel 1995) ha conseguito il Dottorato di Ricerca alla Sezione di Letteratura Comparata e Teoria Letteraria presso la Facoltà di Filosofia di Lubiana, dove insegna dal 1996. Nel 1991 ha insegnato poesia negli Stati Uniti. In campo professionale si occupa principalmente di Versologia Comparata, e sulla materia ha pubblicato numerosi libri. Dal 1991 al 1995 è stato presidente del PEN sloveno, dal 1994 al 2000 presidente del Comitato per la Pace del Pen internazionale, in nome del quale ha organizzato l’aiuto umanitario per gli scrittori profughi dalle zone belliche in Bosnia e per gli artisti nella città assediata di Sarajevo durante la guerra dell’ex Jugoslavia, una delle più grandi imprese umanitarie nella storia del Pen sloveno e internazionale. Nel 2002 è stato eletto vicepresidente a vita del Pen internazionale. Tra le raccolte poetiche: Stihožitje (Natura morta in versi), 1997; Hči spomina (La figlia del ricordo), 1981; 1001 stih (1001 verso), 1983; Kronanje (Incoronazione), 1984; Vrtnar tišine – Gardener of Silence (Il giardiniere del silenzio – Gardener of Silence), 1990; Oblike sveta (Le forme del mondo), 1997; Stihija (Catastrofe),1991; Mojster nespečnosti (Il maestro dell’insonnia), 1995; Oblike srca (Forme del cuore), 1997; Odsotnost (Assenza), 1999; Alba, 1999; Odmev (Eco); 2000, Žarenje (Splendore), 2003 e Obredi slovesa (Riti dell’addio), 2005; Dlaneno platno (La tela della mano), 2006) e MOM: Mala Osebna Mitologija (PMP: Piccola Mitologia Personale, 2007). Ha scritto anche tre raccolte didattiche di 220 forme poetiche. Il suo magnum opus è il poema epico Vrata nepovrata (La porta del non-ritorno): 43.000 versi in 2.300 pagine in tre volumi (Zemljevidi domotožja [Le mappe della nostalgia], 2014; Čas očetov [Il tempo dei padri], 2015, e Bivališča duš [Dimore delle anime], 2017). Ha pubblicato anche raccolte poetiche per bambini e ragazzi. Oltre a una serie di recite radiofoniche per l’infanzia ha scritto opere teatrali per adulti: Vojaki zgodovine (I soldati della storia) e Hiša iz kart (La casa di carte da gioco), edite entrambi nel volume Dramski diptih (Dittico drammatico), 1988, la tragedia Kasandra (Cassandra) che il teatro Drama di Lubiana ha messo in scena (poi pubblicata nel 2001). Molte sue poesie e recite teatrali sono state tradotte in diverse lingue (inglese, francese, croato, serbo, macedone, russo, italiano – in rete vedi Fili d’Aquilone). Traduce dal francese (S. Mallarmé, P. Valéry, P. Verlaine, E. Jabès), inglese (S. Heaney), olandese (Paul van Ostaijen, Monika van Paemel) e dalle lingue del territorio dell’ex-Iugoslavia (J. Osti). Nel 2001 ha pubblicato un’antologia sulla lirica moderna francese e nel 2003 la prima scelta slovena della lirica dei trovatori in provenzale antico. Ha conseguito molti riconoscimenti letterari nazionali e internazionali, tra cui il premio della Fondazione Prešeren (1984) e il Premio Jenko (1995), il Premio Sovre nel 1990, per la traduzione in sloveno dell’opera di Mallarmé, nonché il riconoscimento d’oro del Centro di Ricerche dell’Accademia Slovena delle Scienze e delle Arti per la sua opera sulla teoria del verso. Il Catalogo Internazionale di libri per l’infanzia (IBBY) ha incluso il suo racconto di fate The Little and the Big Moon nella lista d’onore delle migliori storie per l’infanzia scritte nel 1998. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti per la poesia, l’ultimo dei quali ricevuto dall’Associazione degli scrittori della Bosnia ed Erzegovina che gli ha assegnato il premio internazionale Bosanski stećak.

Boris A. Novak, pesnik, dramatik, esejist, prevajalec in mladinski pisatelj. Rodil se je 3. decembra 1953 v Beogradu, kjer je preživel otroštvo. Študiral je primerjalno književnost in filozofijo v Ljubljani. Delal je kot dramaturg v Drami Slovenskega narodnega gledališča v Ljubljani (1980–86), kot urednik otroške revije Kurirček (1986–91) ter urednik leposlovnega programa za otroke pri DZS (1991–96). S tezo Recepcija romanskih pesniških oblik v slovenski poeziji, ki je izšla v knjižni obliki pod naslovom Oblika, ljubezen jezika (1995), je doktoriral na Oddelku za primerjalno književnost in literarno teorijo FF v Ljubljani, kjer poučuje od l. 1996. L. 1991 je bil gostujoči profesor za poezijo na Univerzi Tennessee v ZDA. Osnovna področja njegovega strokovnega dela so primerjalna verzologija (Po-etika forme, 1997, Sonet, 2004), srednjeveška in renesančna književnost ter simbolizem (Simbolistična lirika, 1997). Bil je aktiven v gibanju za demokratizacijo slovenske in jugoslovanske družbe. V letih 1991–1996 je predsedoval Slovenskemu PEN-u, v letih 1994–2000 pa Mirovnemu komiteju Mednarodnega PEN-a. Organiziral je pomoč za begunce iz nekdanje Jugoslavije in pisatelje iz obleganega Sarajeva, največjo humanitarno akcijo v zgodovini Slovenskega in Mednarodnega PEN-a. L. 2002 je bil izvoljen za podpredsednika Mednarodnega PEN-a. S flamsko pisateljico Moniko van Paemel sta l. 1998 ustanovila Društvo prijateljev Lipice, ki si prizadeva zaščititi lipicance. Doslej je objavil čez 80 knjig, med njimi naslednje pesniške zbirke za odrasle: Stihožitje, 1977; Hči spomina , 1981; 1001 stih, 1983; Kronanje, 1984; Oblike sveta, 1991; Stihija, 1991; Mojster nespečnosti, 1995; Oblike srca, 1997; Alba, 1999; Odmev, 2000;  Žarenje (2003); Obredi slovesa (2005), Dlaneno platno (2006) in MOM: Mala Osebna Mitologija, 2007). Pedagoško učinkovite in priljubljene so njegove pesmarice pesniških oblik, v katerih je na komunikativen način in z lastnimi primeri predstavil pesniške oblike (Oblike sveta, 1991; Oblike srca, 1997, in Oblike duha, 2016, z 220 oblikami na 500 straneh). Njegov opus magnum je epos Vrata nepovrata, 43.000 verzov na 2.300 straneh v treh knjigah (Zemljevidi domotožja, 2014; Čas očetov, 2015, in Bivališča duš, 2017). Objavil je tudi pesniške zbirke za otroke in mladino Prebesedimo besede, 1981; Domišljija je povsod doma, 1984; Periskop, 1989; Blabla, 1995; Zarja časa, 1997, Čarovnije sveta, 1999, ter izbor Kako rastejo stvari (2004). Poleg vrste lutkovnih in radijskih iger za otroke je napisal več dramskih besedil za odrasle: Vojaki zgodovine in Hiša iz kart (skupaj objavljeni v Dramskem diptihu, 1988), Kasandra, Lipicanci gredo v Strasburg in Knjiga je čevelj (v Dramskem triptihu, 2008). Njegove pesmi in igre so bile prevedene v mnoge jezike: v angleščino, francoščino, hrvaščino,  srbščino, slovaščino, makedonščino, ruščino in italijanščino. Novak prevaja iz francoščine (S. Mallarmé, P. Valéry, P. Verlaine, E. Jabès), angleščine (S. Heaney), nizozemščine (Paul van Ostaijen, Monika van Paemel) in južnoslovanskih jezikov (J. Osti). L. 2001 je izdal obsežno antologijo Moderna francoska lirika, l. 2003 pa prvi slovenski izbor lirike staroprovansalskih trubadurjev (Ljubezen iz daljave). Prejel je številna priznanja, mdr. zlato ptico (1978), nagrado Prešernovega sklada (1984), Jenkovo (1995) in Župančičevo nagrado (2015) za poezijo, Sovretovo nagrado za prevajanje (1990) ter Zlati znak ZRC SAZU za znanstveno delo s področja teorije verza (1998). Njegovo pravljico Mala in velika Luna je IBBY uvrstil na Častni seznam najboljših del za otroke in mladino l. 1998. Društvo pisateljev BiH mu je l. 2000 za pesniški opus podelilo mednarodno nagrado bosanski stećak.

 

Annunci

One thought on “Camera degli ospiti – Soba za goste

  1. Pingback: Boris A. Novak | La casa di carta - Papirnata hiša

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...