Home

Goffredo Fofi: “(…) uno scrittore vero che ci ridà il piacere di una lettura esigente e intelligente che volutamente rimanda a certi maestri del secondo dopoguera, in particolare Danilo Kiš e W.B. Sebald (…)” Ecco un passo del romanzo Panorama di Dušan Šarotar in traduzione di Patrizia Raveggi (Keller Editore 2021) / Goffredo Fofi: “(…) pravi pisatelj, ki nam vrača veselje do zahtevnega in inteligentnega branja, ki se zavestno navezuje na nekatere mojstre povojnega obdobjam predvsem na Danila Kiša e W. B. Sebalda (…)” Objavljamo odlomek iz Šarotarjevega romana Panorama v prevodu Patrizie Raveggi (Keller Editore 2021).


Beletrina 2014

Usedel sem se na široke bele stopnice, ki so se položno spuščale po Mont des Arts, Umetniškem griču, proti centralni železniški postaji, kjer sem pred tremi dnevi čakal Pavla, in globlje v historično jedro mesta, ki se je ovijalo in v krogih širilo okrog Grand Placea, ki sem ga ta dan nekajkrat prehodil, navdajal me je tesnoben občutek, vsakič ko sem s katerekoli strani stopil nanj, je bil poln turistov v pohodnih čevljih, oblečenih v dolge pelerine in pokritih s kapucami ali širokimi platnenimi klobučki, v rokah so nosili nakupovalne torbe, težke fotoaparate in plastenke z vodo, kot bi se ustavil čas, me je spreletelo, morebiti se je samo zavrtel nazaj v obdobje srednjeveških romarskih pohodov v svete kraje, karnevalov in prazničnih procesij; skozi prostočasno in vodeno dopoldansko turistično turo se v sprevrnjeni formi vrača duh izgubljene pobožnosti in iskanja smisla, sem pomislil, dolga samotna romanja ponižanih, lačnih, bolnih in pobožnih so na videz nadomestili popularni, atraktivni in cenovno dostopni turistični aranžmaji, ki v nas znova utelešajo vznemirjenje, hrepenenje in skrivnost, saj v varnem, lagodnem in hitrem potovanju sitih in brezskrbnih turistov, ki počasi in po malem že utrujeni in naveličani družbe, čevljev in jezikov hodimo skozi stara pitoreskna mestna jedra, veliko fotografiramo, si ogledujemo cerkvice in katedrale, muzeje in restavracije, saj v tem je tudi nekaj lepega in obljubljenega, tukaj iščem mir, pisal bom, sem pomislil; čas ne obstaja, to je zgolj miselna kategorija, s katero opisujemo in razmejujemo nespremenljivi prostor, me je spreletelo, saj sem že od zgodnjega jutra blodil in brez načrta taval po istih in na videz nespremenjenih ter tesnih tlakovanih ulicah in odprtih trgih, kot bi ostal brez zraka, pomešal sem se v množico zamišljenih, raztresenih in lačnih uradnikov, nižjih bančnih uslužbencev, nepremičninskih in turističnih agentov, trgovskih potnikov in svetovalcev, mladih prevajalcev v supergah in suknjičih in njihovih kolegic prevajalk, odetih v živobarvne jopiče, lahke balonarje in s svilenimi, elegantnimi, lahkimi šali okrog ramen, oboji, kolegice in kolegi, simultani prevajalci in tolmači, so v rokah stiskali in čuvali težke črne računalniške torbe z zmogljivimi prenosniki, tablicami, zunanjimi diski in dizajnerskimi USB-ključi, na katerih so naložene piratske kopije obsežnih večjezičnih slovarjev, zbirke pravnih, ekonomskih in socialnih uredb in predpisov, ki so v pripravi ali v veljavi v EU in Natu. Gre za dolgotrajen in kompleksen proces politične, ekonomske, socialne, predvsem pa pravne in ne nazadnje tudi kulturne harmonizacije, je rekla Renata, literarna agentka in občasna tolmačka za nemški in angleški jezik v Evropskem parlamentu, ko sva se le dan prej srečala v mestu. Potrpežljivo me je čakala na izhodu iz postaje podzemne železnice Sainte-Catharine, poleg katedrale, spomnim se, da je stala pred bordo cirkuško prikolico, ne vem, kako je prišla sem, je rekla pozneje, in kadila na blagem soncu, danes zjutraj je ni bilo več tam, ko sem šel mimo na poti iz hotela, ponoči so odpotovali daleč, sem pomislil; Renata me je prijazno povabila na zgodnje kosilo v ljubo ji indijsko restavracijo, v ulici tik za stavbo bruseljske borze, sicer je še zgodaj, ampak bova imela vsaj mir, da se bova lahko pogovarjala, je rekla, si v redu, zelo zaposlena, sem rekel, ko sva ob rdeči luči prečkala prometno cesto, prizadevamo si za dosledno in hkrati na načelu enakopravnosti temelječe prevajanje jezikovne in pojmovne pestrosti in drugačnosti v terminološko in kulturno sprejemljivo zakonodajo, ki bo dostopna in sčasoma v veljavi na celotnem teritoriju Unije in predvsem razumljiva vsem evropskim državljanom, je rekla Renata, tako nas učijo, karkoli že naj bi to zares pomenilo, je rekla in odločno vstopila v restavracijo, bil sem za njo, na mizi je bil ob svečki prepognjen listek z rezervacijo, na vse misliš, sem rekel, saj veš, jaz sem stvarna ženska, in ti, je rekla Renata, kako si, si v redu, pišeš? je rekla, ko je že nekaj časa stal Indijec v črni obleki ob najini mizici s pogledom na osenčeno in osivelo pročelje borze, bila sva njegova edina gosta, bil je zadovoljen, spomnim se njegovega potrpežljivega in nasmejanega obraza, lady, please, je rekel natakar, poskusi ribji kari, je rekla Renata, priporočam, vedno ga vzamem, prav, sem rekel, fish curry and two glasses of red wine, je rekla Renata, merci, thank you, je rekel natakar. Zvečer imam branje in pogovor v literarni hiši, Pavel bo moderiral, sem rekel, hvala ti za pomoč, vem, so me obvestili, je rekla, žal, popoldne letim, sem že spakirana, počutim se kot, je rekla, ne vem, trčila sva z vinom, tukaj nič več ne zveni, niti kozarci, je rekla. Po nekaj intenzivnih dnevih, ko ves dan sedim na zastekljenih in zasenčenih hodnikih in čakam pred vrati raznih odborov in pododborov, komisij kot roža v steklenjaku, čutim, da skozi mene nekaj nezadržno odteka, cvetim, imam kariero, vendar, je rekla, glej, pijeva odlično vino, vračam se v priljubljeno restavracijo, ti povem, takšnega karija v Ljubljani ne najdeš, vendar venim, je rekla, izgorevam, kajti že po nekaj intenzivnih dneh v parlamentu, v gneči, v zmedi in stresu, ko se vedno nekaj izgublja in prireja, sklepa nemogoče kompromise, kar je včasih celo težko ali sploh nemogoče povsem razumeti, kaj šele dosledno prevesti, še posebej težavno je prirediti besedila za medijske objave, kar so mi še zdaj dodatno naložili, češ, saj si domača v teh krogih, tako to gre, tukaj je že vse isto, politika, mediji in umetnost, je rekla Renata, da ti ne rečem, sita sem večernih sprejemov, diplomatskih avdienc, nočnih klubov, celo angleščine, ki postaja jezik najetih kuhinj in javnih stranišč, je rekla, čeprav jo imam rada, še iz šole, ni mi žal, da sem jo študirala, sicer vzporedno, je rekla, kajne, brez jezikov ne moreš nikamor, je rekla, ampak ko sem dolgo sama zunaj, še posebej v tem mestu, se mi zdi, da smo se angleščine polastili samo zato, da bi z njo za silo poselili svoje samote, zakrpali praznine in razdalje med nami, je rekla, veš, hvaležna sem za trenutke, ko se sama uležem in v tišini berem v slovenščini, ne vem, občutek imam, da se takrat spet slišim, je rekla, vse ne gre iz enega v drug jezik, zgodba mogoče, ampak ne, ne vem, je rekla in s prstom obrisala rob kozarca, piši, zato piši, vedno in povsod piši, je rekla, prikimal sem in se prijazno nasmehnil, nekako tako kot prej najin potrpežljivi in nasmejani natakar, samo ljudje smo, nič več, je rekla. Molčal sem. Jejva, mudi se mi, je rekla in mi pomolila kozarec čez mizo, na zdravje, reci, no, na zdravje, Renata, sem rekel. Ampak zdaj sem tukaj, sedim na koncu širokih belih stopnic, nad mano je položna vzpetina, nad njo pa samo še nebo, pod katerim zamaknjeno počiva v davnino položena kraljeva palača; marmornati portali, kolonade in terasasti vrtovi, okoli katerih se vrti vsakdanji avtomobilski in avtobusni promet, tramvaj zvoni, iskre na električnih vodih prasketajo, ko spelje po klancu na drugi strani široke ceste. Niže in bliže mojemu hrbtu stojijo muzeji in galerije, slike, velika platna, kipi in plastike; lepota, ki še vedno molči, krčevito se oprijema zemlje, kakor tiste votle in temneče krogle, obešene na tanke prosojne niti, zataknjene za kopaste oblake. Občutek imam, da je nebesna krogla zanihala, zazvenela, globoko znotraj ječi, ali pa so to neuglašene strune, prenapete niti, da bi visoko zapele, ki lahko vsak čas počijo; izzvenevanje nekega obdobja, mi je od nekod znova zaneslo v misli, spomnil sem se vsebine letaka, razpetega čez cesto, ki je napovedoval in vabil v ljubljansko Narodno galerijo na razstavo.


Mi sono seduto sull’ampia scalinata bianca che digrada dolcemente lungo il Mont des Arts, il Colle delle Arti, verso la stazione ferroviaria principale, dove tre giorni fa avevo aspettato Pavel, e più giù, verso il nucleo storico della città, avviluppato in cerchi concentrici attorno alla Grand Place*, che durante quella giornata ho percorso più volte, ogni volta e da qualsiasi lato vi entrassi mi pervadeva un senso di ansia, folle di turisti con scarpe da trekking, avvolti in lunghi mantelli e coperti da cappucci o da larghi cappelli di tela, con in mano borse per gli acquisti, pesanti macchine fotografiche e bottiglie d’acqua di plastica, come se il tempo si fosse fermato, mi balenò in mente, forse è soltanto girato al contrario, e tornato indietro, all’epoca dei pellegrinaggi medievali nei luoghi santi, dei carnevali e delle processioni festive; * con il tour mattutino guidato, torna in forma rovesciata lo spirito della perduta devozione e della ricerca di senso nel tempo libero, ho pensato, i lunghi pellegrinaggi solitari degli umiliati, degli affamati, degli ammalati e dei pii sono apparentemente sostituiti dalle offerte turistiche popolari, attraenti ed economicamente convenienti, che incarnano per noi l’eccitazione, l’anelito e il mistero nell’altrimenti sicuro, confortevole e veloce viaggiare di noi turisti sazi e spensierati che lentamente, e a poco a poco già stanchi e stufi della compagnia, delle scarpe e delle lingue, ci trasciniamo per i vecchi e pittoreschi centri storici, scattiamo molte foto, ci guardiamo chiesette e cattedrali, musei e ristoranti, del resto anche in questo c’è qualcosa di bello e di promesso, io qui cerco pace, scriverò, ho riflettuto; il tempo non esiste, è solo una categoria del pensiero con cui descriviamo e delimitiamo uno spazio immutabile, mi è balenato per la mente, del resto già fin dal primo mattino mi sto aggirando senza un piano e vago per le stesse strette stradine lastricate, in apparenza sempre uguali, e per i mercati all’aperto, come se mi mancasse l’aria, mi sono mescolato alla moltitudine di funzionari pensierosi, stressati e affamati, impiegati di banca di basso rango, agenti immobiliari e turistici, commessi viaggiatori e consulenti, giovani traduttori in giacca e Superga e le loro colleghe traduttrici, con maglioncini a colori vivaci, soprabiti leggeri ed eleganti, impalpabili sciarpe di seta sulle spalle, e tutti quanti, colleghi e colleghe, traduttori simultanei e interpreti, tenevano stretti in mano e proteggevano borse per computer nere con potenti notebook, tablet, unità esterne chiavette usb design, con su scaricate copie pirata di esaustivi dizionari multilingua, raccolte di norme e regolamenti legali, economici e sociali, che sono in preparazione o in vigore nella UE e alla Nato. Si tratta di un processo lungo e complesso di armonizzazione politica, economica, sociale e soprattutto legale e, in ultima analisi, anche culturale, aveva detto Renata, agente letterario e al bisogno interprete per tedesco e inglese al Parlamento europeo, quando ci eravamo incontrati in città, appena un giorno prima. Mi aspettava paziente all’uscita Sainte-Catharine della metro, vicino alla cattedrale, ricordo che era davanti a una roulotte da circo color bordeaux, non so come ci sia arrivata qui, ha detto più tardi, e fumava al sole mite, stamani, quando son passato di lì dall’albergo non c’era più, sono ripartiti durante la notte per terre assai lontane, ho pensato; Renata, gentile, mi ha invitato al suo ristorante indiano preferito, nella strada subito dietro, vicino all’edificio della Borsa di Bruxelles, un po’ presto per il pranzo, ma almeno staremo tranquilli e potremo parlare, ha detto, stai bene, sei molto occupata, ho detto, mentre attraversavamo con il rosso la strada trafficata, stiamo lottando per tradurre specificità e diversità linguistiche e concettuali in una legislazione terminologicamente e culturalmente accettabile, coerente e al tempo stesso basata sul principio di parità dei diritti, che sarà accessibile ed eventualmente in vigore su tutto il territorio dell’Unione e, soprattutto, comprensibile a tutti i cittadini europei, ha detto Renata, questo è quello che ci insegnano, poi cosa significhi veramente, chi lo sa, ha detto, e con fermezza ha fatto il suo ingresso nel ristorante, la seguivo a ruota, sul tavolo c’era un foglietto piegato vicino alla candela, la prenotazione, hai pensato a tutto, ho detto, lo sai, sono una donna concreta e tu, ha detto Renata, come stai, stai bene, scrivi? ha detto, mentre già da un po’ un indiano vestito di nero era in piedi vicino al nostro tavolo con vista sulla facciata in ombra e ingrigita della Borsa, noi due eravamo i suoi unici ospiti, era soddisfatto, ricordo la sua faccia paziente e sorridente, lady, please, ha detto il cameriere, prova il pesce al curry, ha detto Renata, lo raccomando, lo prendo sempre, va bene, ho detto, fish curry and two glasses of red wine, ha detto Renata, merci, thank you, ha detto il cameriere. Questa sera ho una lettura e una conversazione alla casa della letteratura, Pavel modera, ho detto, grazie per il tuo aiuto, lo so, mi hanno informato, ha detto, mi dispiace, nel pomeriggio vado in aeroporto, valigia già fatta, mi sento, ha detto, mi sento come, non lo so, abbiamo brindato, qui non c’è più nulla che mandi un suono, neppure i bicchieri, ha detto. Dopo alcune giornate intense, in cui per tutto il tempo resto seduta in corridoi vetrati e in penombra e aspetto davanti alle porte di vari comitati e sottocomitati, come un fiore in serra, sento che qualcosa mi sta prosciugando, inarrestabile, sono affermata, ho una carriera, ma, ha detto, guarda, beviamo un vino eccellente, continuo a tornare al mio ristorante preferito, ti assicuro che un curry come questo a Lubiana non si trova, e tuttavia appassisco, ha detto, mi consumo, perché dopo alcune giornate intense in Parlamento, tra la folla, nella confusione e nello stress, quando c’è di continuo qualcosa che va perduto e qualcosa che deve essere manipolato e si concludono impossibili compromessi, che a volte sono difficili o completamente impossibili da comprendere appieno, figurarsi tradurli in modo coerente, specialmente è difficile predisporre i testi per le dichiarazioni ai media, incarico che mi hanno aggiunto adesso, della serie, tanto tu sei di casa in questi ambienti, ecco così vanno le cose, qui e tutto lo stesso, politica, media e arte, ha detto Renata, e non c’è bisogno che te lo dica, sono stufa dei ricevimenti di sera, delle udienze diplomatiche, dei locali notturni, persino dell’inglese, che sta diventando la lingua del take away e delle toilette pubbliche, ha detto, anche se mi piace, fin dalla scuola, non rimpiango di averlo studiato, ma in parallelo, ha detto, non è così?, non puoi andare da nessuna parte senza lingue, ha detto, ma quando sono fuori per molto tempo e da sola, specie in questa città, mi sembra che ci siamo impadroniti dell’inglese solo per popolare un po’ la nostra solitudine, per colmare le lacune e la distanza tra noi, ha detto, sai, sono una benedizione quei momenti di silenzio in cui, da sola, mi distendo e leggo in sloveno, non so, è come se allora sentissi di nuovo me stessa, ha detto, non tutto passa da una lingua all’altra, la trama forse, ma no, non lo so, ha detto lei, e con il dito ha asciugato il bordo del bicchiere, e per questo, scrivi, scrivi sempre e ovunque, ha detto, ho annuito e ho sorriso con gentilezza, un po’ come prima il nostro paziente e sorridente cameriere, siamo solo persone, niente di più, ha detto lei. Io non ho detto nulla. Mangiamo, ho fretta, ha detto e ha proteso il bicchiere sopra il tavolo verso di me, na zdravje, alla salute, dillo, via, na zdravje, alla salute, Renata, ho detto. Ma adesso sono qui, seduto in fondo all’ampia scalinata bianca, mi sovrasta una lieve salita, e sopra di essa solo il cielo, sotto il quale da tempi remoti si adagia appartato il palazzo reale; portali di marmo, colonnati e giardini pensili attorno ai quali ruota il traffico quotidiano di automobili e autobus, il tram scampanella, le scintille crepitano sui cavi elettrici quando imbocca il pendio dall’altro lato dell’ampia strada. Più in basso e più vicino alle mie spalle ci sono i musei e le gallerie, i quadri, le grandi tele, sculture e rilievi; la bellezza, che continua a tacere, si afferra spasmodicamente alla terra, a questa sfera vuota e sempre più scura, appesa a fili sottili e trasparenti, fissati a cumulonembi. Ho la sensazione che la sfera celeste abbia oscillato, risuonato nel profondo, all’interno di una prigione, oppure sono corde non accordate, fili troppo tesi per cantare toni alti, da un momento all’altro possono strapparsi; lo svanire di un certo periodo si è di nuovo insinuato da qualche parte nei miei pensieri, mi sono ricordato di uno striscione teso attraverso la strada, informava e invitava a una mostra nella Galleria Nazionale di Lubiana*. Svanisce, come le parole che mi ha rivolto una misteriosa signora dopo la serata letteraria, ho pensato, l’altra sera a Passa Porta**.

Traduzione di Patrizia Raveggi

*La Grand Place (Grote Markt in olandese)è la piazza centrale della città di Bruxelles. La circondano le case delle corporazioni, l’Hotel de Ville (municipio) e la Maison du Roi. È generalmente considerata come una delle più belle piazze del mondo. Nel 1998 è stata iscritta nella lista del Patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

*L’8 marzo 2011, alla Galleria Nazionale di Lubiana, fu inaugurata la Mostra Lo svanire di un certo periodo, basata sulla pittura tardo-barocca in Carniola (Slovenia centrale).

** Luogo di incontro di intellettuali di ogni parte del mondo, crocevia di artisti, moda, arte e cultura, Passa Porta bookshop ovvero la Maison Internationale des Littératures è situata nel cuore di Bruxelles, in rue Antoine Dansaert. Ospita gli autori e i traduttori stranieri, appoggia quelli belgi nelle loro tournee estere, organizza presentazioni e letture aperte al pubblico.


Internazionale, 10 luglio 2021


Recensione di Giordana Restifo su Osservatorio Cattedrale

Naslovna fotografija / Foto in copertina: Jože Suhadolnik

3 thoughts on “Dušan Šarotar

  1. Pingback: Prevodi / Traduzioni 2021 | La casa di carta - Papirnata hiša

  2. Pingback: Sturman e Perat in italiano | La casa di carta - Papirnata hiša

  3. Pingback: Il lago di Golob / Golobovo Jezero | La casa di carta - Papirnata hiša

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.