Home

Il 6 ottobre del 2018 si è concluso a Lubiana il convegno internazionale dell’Associazione dei traduttori letterari sloveni, che fra gli argomenti principali ha proposto quello sulla traduzione letteraria dallo sloveno in italiano. / V začetku oktobra je bila na ljubljanskem simpoziju Društva slovenskih književnih prevajalcev ena izmed glavnih tem prevajanje slovenske literature v italijanščino

IMG_1304

Miha Obit (foto di Vinko Avsenak)

Ne hanno parlato tre relatori. Fra questi Michele Miha Obit, il quale si è chiesto, nel suo contributo, perché la letteratura slovena e quella italiana da tempo non fossero più parallele. La sua domanda si riferiva alla raccolta di saggi di Miran Košuta, dal titolo appunto di “Scritture parallele”. Nel suo libro, pubblicato più di vent’anni fa, il Professor Košuta esprimeva ottimismo riguardo alla traduzione della letteratura slovena in italiano, che egli credeva fiorisse e si diffondesse con gli anni. In parte, ciò si è poi realizzato, ha concluso Obit: l’interesse c’è e ci sono anche le vie per far conoscere la scrittura slovena anche ai lettori italiani più esigenti. Siamo fieri che nella sua relazione Michele Obit abbia menzionato anche l’intervista a Patrizia Raveggi, pubblicata tempo fa sul nostro blog, sulla traduzione del primo romanzo di Goran Vojnović, a cui proprio in questi giorni veniva consegnato il Premio Latisana per il Nord-Est (stavolta per il suo secondo romanzo, “Iugoslavia terra mia”, sempre tradotto da Patrizia Raveggi).

IMG_1334

Ravel Kodrič (foto di Vinko Avsenak)

Ravel Kodrič ha poi parlato di Pavle Merkù (1927 – 2014), compositore e linguista sloveno di Trieste che tra l’altro aveva tradotto in italiano anche alcuni sonetti di Srečko Kosovel. Le sue traduzioni figurano insieme a quelle di Jolka Milič nella raccolta dal titolo “Poesie e integrali” pubblicata nel 1971 dalla casa editrice L’Asterisco. Kodrič ha fatto un’analisi delle traduzioni di Merkù sullo sfondo e nel contesto sociale e familiare che lo hanno influenzato. Vista l’ampia conoscenza di Kodrič riguardo opera e personalità di Merkù, ci augureremmo che venisse organizzata, nel prossimo futuro, una conferenza ancora più approfondita sul tema.

IMG_1349

Miran Košuta (foto di Vinko Avsenak)

Il Professor Miran Košuta, invece, ha analizzato il sonetto “Memento mori”, del maggiore poeta sloveno France Prešeren, nelle diverse traduzioni italiane esistenti. Il primo a tradurlo fu il diplomatico, traduttore e poeta italiano, linguista e professore di lingua bulgara Luigi Salvini (1911 – 1957), la cui traduzione della suddetta poesia fu realizzata nel 1951. Seguì il linguista e traduttore, tra l’altro studioso di Ivan Cankar, Bartolomeo Calvi (1886 – 1961), vivente a Tolmino e a Lubiana, che la tradusse due anni prima della sua morte. La terza fu ad opera di Francesco Husu nel 1976 e l’ultima del poeta, traduttore e politico Giorgio Depangher (1941 – 2001) nel 1998.

IMG_1320

Vasja Bratina e Nadja Dobnik (foto di Vinko Avsenak)

Il primo giorno del convegno si è concluso con l’intervista di Nadja Dobnik a Vasja Bratina, traduttore di Matvejević, Magris, Ginzburg, Eco…


 

Povzetki treh predavateljev s spletne strani Društva slovenskih književnih prevajalcev (DSKP)

 

IMG_1305

Michele Miha Obit

Michele Miha Obit

Zakaj slovenska in italijanska literatura nista več vzporedni

Leta 1997 je pri tržaški založbi Lint izšla zbirka esejev profesorja Mirana Košute pod naslovom Scritture parallele (Vzporedne pisave). Čeprav na kratko, je avtor že v prvem eseju obravnaval problematiko ‘prelivanja’ slovenske literature v italijanski jezik z odgovori na vprašanja: kdo prevaja, zakaj, koliko se prevaja v italijanščino? Obračun takrat ni bil negativen, vendar je bil vse manj kot navdušujoč. »V prihodnosti pa lahko nedvomno pričakujemo boljše stanje,« je takrat napisal prof. Košuta. Tista prihodnost je današnji čas. Danes lahko namreč rečemo, da je v Italiji vpogled v slovensko literaturo veliko bolj odprt in širok kot nekoč. To zanimanje se prepozna na raznih nivojih in omogoča, da prevedene knjige slovenskih pesnikov in pisateljev vse bolj pogosto najdejo pot do zahtevnega italijanskega bralca.

 

IMG_1332.jpg

Ravel Kodrič

Pavle Merkù kot prevajalec Srečka Kosovela v italijanščino

Tržaški skladatelj in jezikoslovec Pavle Merkù je k prvi samostojni knjižni izdaji italijanskih prevodov pesmi Srečka Kosovela Poesie e integrali v prevodu Jolke Milič (Trst, založba L’Asterisco, 1971) prispeval manjši korpus petih sonetov. V prispevku podajam analizo njegovih prevodov in vpogled v ozadje družinskih in prijateljskih vezi, ki so mnogostransko nadarjenega umetnika in znanstvenika nagnile tudi k pesniškemu prevajanju.

IMG_1346

Miran Košuta

Prešernov sonet Memento mori v italijanskih prevodnih variacijah

Prispevek ponuja primerjavo italijanskih prevodov Prešernovega soneta Memento mori, ki so jih objavili Luigi Salvini (1951), Bartolomeo Calvi (1959), Francesco Husu (1976) in Giorgio Depangher (1998), obelodanja njihove različne prevodne pristope in jim postavlja ob bok novo, knjižno še neobjavljeno poitalijanitev (2015).

 

IMG_1327

Prvi večer simpozija je popestril pogovor Nadje Dobnik s prevajalcem Predraga Matvejevića, Claudia Magrisa, Natalie Ginzburg, Umberta Eca in drugih, Sovretovim nagrajencem Vasjo Bratino.

 

 

Foto: Vinko Avsenak

 

 

 

Annunci

One thought on “Scritture e traduzioni parallele?

  1. Pingback: Scritture e traduzioni parallele? – 🐞 📰 𝖋𝖗𝖎𝖚𝖑𝖎𝖒𝖚𝖑𝖙𝖎𝖊𝖙𝖓𝖎𝖈𝖔 🔊🇦🇹 🇸🇮 🇮🇹 𝑜𝓁𝑔𝒾𝓉𝑒𝒹

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.