Home

In esclusiva: Intervista a Susanna Tamaro, di Sergio Sozi. / Ekskluzivno: Intervju s Susanno Tamaro

In occasione della Fiera Slovena del Libro del novembre scorso la famosa scrittrice ci aveva promesso una breve intervista. Eccola. / Na novembrskem Slovenskem knjižnem sejmu nam je slavna pisateljica obljubila intervju.  Rečeno – storjeno.

dscf3109

Tamaro e Sosič a Lubiana (novembre 2016) / Tamaro in Sosič v Ljubljani novembra 2016

Pur cambiando ed evolvendosi com’è natura che sia, la Sua scrittura ha, nel corso del tempo, mantenuto il profilo intimistico e confidenziale, dialogante, epistolare di Va’ dove ti porta il cuore. Esiste un genere – magari del tutto diverso – che le piacerebbe affrontare in futuro?

Amo molto lo stile fantastico, un po’ come era il mio primo libro, La testa fra le nuvole. Non è detto che in futuro non scriverò una storia tipo Cent’anni di solitudine

Le interessa la poesia?

Amo molto la poesia. In gioventù Rilke e Kosovel sono state le mie letture preferite. Adesso ne  leggo meno, ma la amo molto.

Il medium libro, da quando è nato in epoche remote, non ha mai cessato di trasformarsi – dalla tavoletta cerata al papiro, al formato elettronico divulgabile via tablet, ebook o Internet. Crede che quest’ultima metamorfosi possa influire anche sugli autori, ossia sui contenuti, oltre all’impatto che già sappiamo su editori, stampatori e distributori?

Non credo. Il bisogno di storie è radicata nella natura dell’essere umano, fin dai tempi della preistoria, quando si raccoglievano intorno al fuoco ad ascoltare a bocca aperta i racconti del narratore di turno.  Qualunque sarà il mezzo in cui saranno raccontate, le storie – e quindi i libri –  non finiranno mai.

Oltre a Marko Sosič, che conosce da sempre, legge altri scrittori di lingua slovena?

Ho letto dei libri anche di Cankar, Pahor, Rebula,  Marko Kravos, Prešeren.

Invece, a proposito di autori italiani…

Non leggo molta letteratura, mi dispiace. Preferisco saggi, manuali e libri di riflessione.

Ha senso parlare di generi letterari come si è fatto per secoli, nel 2017, o…

Ci sono sempre stati e mi sembra giusto che ci siano distinzioni tra thriller, biografie, romanzi rosa, e romanzi letterari. Il pubblico è vasto, come lo sono i gusti. Non tutti i libri sono uguali.

Quanto si proietta, Susanna Tamaro, nei suoi protagonisti?

In ogni personaggio c’è un po’ di me, dei miei pensieri, delle mie esperienze, delle mie ferite.

In che misura, invece – se lo fa – Susanna Tamaro fugge dalla pagina scritta e in genere dalla comunicazione, cioè dal mondo che esige una assidua presenza massmediatica, spesso coercitiva per gli intellettuali?

Fuggo dai social, dalle mail, da tutto quello che è velocità e presenzialismo. Non per snobismo, ma per natura, che è sempre stata solitaria e silenziosa. Adesso, per curiosità, mi sono lanciata in una pagina Facebook ufficiale. Susanna Tamaro Page. Ma è un’assoluta novità per me.

Autobiografia e invenzione letteraria. Italo Calvino separava di netto queste due dimensioni. Lei…

Per ogni libro che  scrivo attingo alla mia autobiografia  per quanto riguarda i sentimenti e le riflessioni, ma nello stesso tempo  invento sempre  nuove storie che io stesso non conosco fino a quando non le scrivo. Uno scrittore è un minatore di storie che sgorgano dall’interno, sorprendendo per prima cosa lui stesso.

Stile. Quanto pesa, quanto è importante, nella vita della pagina e in quella… che ne sta fuori?

Non ho mai pensato allo stile, prima di scrivere, ma alla precisione delle sensazioni che voglio esprimere. Lo stile è sempre venuto dopo.


9789612822200

Čeprav se je vaša pisava spreminjala in se razvijala, je ohranila intimističen in zaupen ton, dialoški in epistolarni značaj romana Pojdi, kamor te vodi srce.  Bi vas v prihodnosti mikala popolnoma drugačna zvrst?

Zelo rada imam fantastični slog, kakršen je v moji prvi knjigi Glava v oblakih. Ni rečeno, da v prihodnosti ne bom napisala knjige, kot je Sto let samote

Vas zanima poezija?

Poezijo imam zelo rada. Ko sem bila mlada, sta bila Rilke in Kosovel moje najljubše čtivo. Zdaj je berem manj, vendar mi je zelo všeč.

Knjiga kot medij se je od svojega davnega rojstva nenehno spreminjala – od povoščene tablice do papirusa in vse do elektronske različice, ki jo je mogoče reproducirati na tablicah, elektronskih bralnikih, na internetu. Mislite, da lahko ta zadnja sprememba vpliva na avtorje oziroma na vsebine, če ne omenjamo posledic, ki jih ima na založništvo, tisk in distribucijo? 

Mislim, da ne. Potreba po zgodbah je ukoreninjena v človekovo naravo od prazgodovinskih časov, ko so se ljudje zbirali ob ognju in odprtih ust poslušali pripovedi. Kakršnokoli bo sredstvo pripovedovanja zgodb, se pravi knjig, teh nikoli ne bo zmanjkalo. 

Ali poleg Marka Sosiča, ki ga že dolgo poznate, spremljate še katerega slovenskega pisatelja?

Brala sem tudi Cankarja, Pahorja, Rebulo, Marka Kravosa in Prešerna.

Kaj pa italijanske avtorje …

Ne berem veliko literature, žal. Rajši imam eseje, priročnike in publicistiko.

Ima danes še smisel govoriti o literarnih zvrsteh kot v prejšnjih stoletjih?

Vedno so obstajale in prav se mi zdi, da razlikujemo med trilerji, biografijami in ljubezenskimi romani in beletristiko. Bralstvo je raznoliko in raznoliki so okusi. Niso vse knjige enake.

Koliko je vas, Susanna Tamaro, v vaših protagonistih?

V vsakem je malo mene, mojega razmišljanja, mojih izkušenj, mojih ran.

Koliko pa ­– če sploh – Susanna Tamaro beži od pisanja in tudi sicer od komuniciranja, se pravi od sveta, ki zahteva redno in za mnoge intelektualce prisilno navzočnost v množičnih medijih?

Izogibam se družbenim omrežjem, elektronski pošti in vsemu, kar pomeni hitrost in prisotnost. Ne zaradi snobizma, ampak po svoji naravi, ki je vedno bila samotarska in tiha. Zdaj sem iz radovednosti osnovala uradno facebook stran Susanna Tamaro Page. Zame je to nekaj čisto novega.

Avtobiografija in literarna invencija. Italo Calvino je ti dve dimenziji strogo ločeval. Kaj pa vi?

Pri vsaki svoji knjigi črpam iz svojega življenja, kar zadeva čustva in razmišljanje, hkrati pa si zmeraj izmišljujem nove zgodbe, ki jih še sama ne poznam, dokler jih ne zapišem. Pisatelj je rudar zgodb, ki privrejo od znotraj in najprej presenetijo njega samega.

V kolikšni meri pa je slog pomemben za življenje popisane strani in za tisto zunaj nje?   

Preden pisanjem nisem nikoli razmišljala o stilu, temveč o natančnosti občutij, ki jih želim izraziti. Slog je zmeraj prišel potem.

Spraševal je Sergio Sozi.

Foto in copertina/na naslovnici: Wikipedia

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...