Home

Al laboratorio di traduzione poetica Hiša v Ljubljani / Casa a Lubiana svoltosi il 14 maggio scorso sono nate, con l’aiuto della poetessa italiana Marina Moretti, le traduzioni di alcune poesie del poeta e musicista sloveno Andraž Polič. / Na pesniško-prevajalski delavnici Hiša v Ljubljani / Casa a Lubiana je ob pomoči italijanske pesnice Marine Moretti nastal prevod nekaj pesmi slovenskega pesnika in glasbenika Andraža Poliča. 

Il laboratorio, che ha visto come partecipanti sloveni, oltre a Polič, anche Kaja Teržan e Tone Škrjanec, è stato organizzato dalla rivista Poiesis, KUD Sestava e il nostro blog. Gli ospiti italiani  sono stati Luisa Gastaldo, Marina Moretti e Francesco Tomada che hanno lavorato in coppia con i loro colleghi sloveni. È seguita una serata letteraria con il concerto di Andraž. / Delavnico, ki sta se je na slovenski strani poleg Poliča udeležila še Kaja Teržan in Tone Škerjanec, so organizirali revija Poiesis, KUD Sestava in naš blog. Italijanski gostje so bili Luisa Gastaldo, Marina Moretti e Francesco Tomada, ki so prevajali v parih s slovenskimi kolegi. Sledil je literarni večer z Andraževim koncertom. 

 

DSCF2667

Marina e Andraž traducendosi a vicenda / Marina in Andraž se prevajata

 

TEMNEČE GAZELE

 

I.

 

Nebo je najina soba v tem poletju,

ko pol sveta beži čez zastražene meje

in druga polovica išče starodavni kompas …

Nebo je najina soba v tem poletju,

 

ki se počasi plazi skozi deževne oblake.

 

 

II.

 

Dnevi so spolzeli na poti iz mehiških pobegov –

noč je bila sončna oddaljenost znanega glasu.

Sedaj zvezda na kapi žari volneno –

njena lepota je zelena uročenost za kite,

 

ki plavajo okoli Horna počasi in vztrajno v svojo smer.

 

 

III.

 

Stojiš na mostu med bregovoma,

ko te kliče pogum za odkrito dejanje:

je čas prehajanja drugam … si v pesmi? –

obstaneš in strmiš v brzice – in je nevarno,

 

s svetlobo v očeh s pesmijo greš.

 

 

IV.

 

Izmerjen srčni utrip: sto štiri udarci na minuto!

Ko popkovino pretrgajo otroci,

ki plavajo za svojim imenom čez daljna morja,

se preštevajo levkociti v dnevu žena na mokri cesti …

 

ekrani gorijo kot knjige obrazov.

 

 

V.

 

Svinčnik nosi svinčen izbris v sebi –

pisave so mandale razpuščene v času …

tisočletja star papirus na himalajskem snegu

je pesem tihe snežinke na ustih:

 

večni bralec pleše v barvah samoglasnikov.

 

 

VI.

 

Poleg tebe je speči, ko ležeš v sanje,

da jih pogostiš za neznano nočitev.

Puščavsko utripaš kot svetla Večernica.

Jasnovidna tišina poraja mir … in dihaš,

 

dihaš v očesu vesoljne hitrosti.

 

DSCF2708

Marina e Andraž presentano il loro lavoro / Marina in Andraž predstavljata svoje delo


 

STANZE OSCURE

 

I.

Il cielo è la nostra stanza quest’estate,

quando metà del mondo fugge passando per confini presidiati

e l’altra metà cerca l’antica bussola …

il cielo è la nostra stanza quest’estate

 

che scivola lentamente attraverso le nuvole piovigginose.

 

 

II.

I giorni sono scivolati dalle fughe messicane

la notte era la distanza soleggiata di una voce nota.

Adesso la stella sul cappello brilla come pura lana –

la sua bellezza è un verde sortilegio per le balene

 

che nuotano intorno a Capo Horn, lente e ostinate nella loro direzione.

 

 

III.

Stai sul ponte tra due rive

quando ti chiama il coraggio di un fatto sincero:

è tempo per passare altrove… stai in un poema?

ti fermi e fissi le rapide – ed è pericoloso,

 

te ne vai con la luce negli occhi.

 

 

IV.

Il battito del cuore misurato: centoquattro pulsazioni al minuto!

Quando a rompere il cordone ombelicale sono i bambini

che nuotano dietro al proprio nome attraverso mari lontani

si contano il leucociti nel giorno delle donne su una strada bagnata…

 

gli schermi bruciano come i libri dei volti.

 

 

V.

La matita porta in sè una plumbea cancellatura –

le scritture sono mandala dissolti nel tempo…

il papiro millenario sulla neve himalaiana

è la canzone di un fiocco di neve sulla bocca:

 

il lettore eterno balla nei colori delle vocali.

 

 

VI.

Accanto a te c’è un dormiente quando ti sdrai nei sogni

Perché tu li ospiti per un pernottamento sconosciuto.

Pulsi a mo’ di deserto come la limpida di Stella della Sera.

Un chiaro silenzio fa nascere la pace… e respiri,

 

respiri nell’occhio della velocita’ cosmica.

DSCF2713

 

 

Annunci

2 thoughts on “Andraž Polič

  1. Pingback: Tone Škrjanec | La casa di carta - Papirnata hiša

  2. Pingback: Utrinki / Ricordini | La casa di carta - Papirnata hiša

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...