Home

Abbiamo passato un autunno ricco di eventi letterari italo-sloveni. / Ta jesen je bila bogata s slovensko-italijanskimi literarnimi dogodki.

Iniziamo con la visita di Mauro Covacich del 28 ottobre all’Istituto Italiano di Cultura di Lubiana il quale, per iniziativa del direttore Angelo Izzo, è riuscito, in collaborazione con la Fondazione Bellonci, a ottenere i diritti d’autore sull’incipit della sua raccolta di racconti La sposa (Bompiani, 2015), finalista al Premio Strega di quest’anno. A tradurre l’incipit sono stati gli studenti del Dipartimento di Traduzione dell’Università di Lubiana, che hanno presentato il loro lavoro nell’ambito della XV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, quest’anno intitolata Italiano della musica, musica dell’italiano. In traduzione slovena di Vasja Bratina c’è già il volume Trieste sottosopra, pubblicato in Italia da Laterza e in Slovenia da Lud Literatura (Trst, obrnjen na glavo, 2011).

La sposa

Il 3 novembre abbiamo assistito alla presentazione del volume Leonardo Sciascia e la Jugoslavia, del quale abbiamo già scitto sul nostro blog (https://lacasadicartapapirnatahisa.wordpress.com/2015/03/31/sciascia-e-zlobec-amici-sciascia-in-zlobec-prijatelja/). A parlarne è stata la curatrice del volume, la Professoressa Ricciarda Ricorda dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, nonché l’amico di Sciascia, il poeta sloveno Ciril Zlobec.

DSCF2307È seguita, il 12 novembre, la visita del giornalista narratore e viaggiatore triestino Paolo Rumiz, che – ritenendosi fortunato di esser nato in una città di frontiera – ha presentato il suo romanzo storico Come cavalli che dormono in piedi (Feltrinelli 2014). Durante un interessantissimo colloquio col giornalista sloveno Ervin Hladnik Milharčič, durante il quale hanno toccato anche la crisi dei profughi odierna, l’autore ha svelato la genesi dell’opera (della quale, in breve, ci auguriamo una traduzione slovena): il suo viaggio in treno attraverso la Galizia – regione che prima nel 1914 e poi nel 1915 fu scenario di combattimenti fra la Russia e l’Austro-Ungeria. Rumiz visita cimiteri polacchi e raccoglie testimonianze tedesche, italiane, austriache, intanto perde il quaderno degli appunti ma riesce a raccogliere altri cimeli, e torna a Redipuglia, molto piú ricco di prima: “Colui che si sposta si arricchisce”, sostiene Rumiz.

Dal 25 al 29 novembre si è svolta la 31° edizione della Fiera del libro Slovena, per la prima volta di carattere internazionale, avendo come ospite la Francia (speriamo che presto tocchi all’Italia). Come al solito, anche quest’anno abbiamo curiosato alla bancarella delle case editrici slovene in Italia: Mladika, Založništvo tržaškega tiska, Zadruga Novi Matajur e Goriška Mohorjeva družba. Segnaliamo, tra le novità letterarie piú interessanti, la traduzione del romanzo Ogni angelo è tremendo di Susanna Tamaro, realizzata da Marko Sosič; tra le tavole rotonde della Fiera, invece, il dibattito sul tema Sfida o rassegnazione? Lo spazio e la comunità nazionale slovena in Italia al quale hanno partecipato Karel Bolčina, Marij Čuk e Marko Sosič. La metafora di un’etnia come un albero che trae succo vitale dalle radici e lo manda ai suoi rami è stata completata da Sosič, che ha messo in evidenza l’importanza delle storie, dei racconti che formano le nostre esistenze e che possono essere creati anche da noi; lo spazio allora diventa piú sfida che rassegnazione, riassumiamo semplificando il suo pensiero. Marij Čuk ha accentuato il lato emozionale e psicologico dello spazio che influisce anche sull’identità culturale e artistica. Tra l’altro, ha fatto l’esempio di un personaggio interessante, l’architetto Max Fabiani, la figura del quale ha ispirato la regista Neda Rusjan Bric che ha messo di recente in scena lo spettacolo Fabiani: Sem Slovenec, Italijan, German (Fabiani: Sono sloveno, italiano, germanico, (Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica). Nonostante Fabiani sostenesse che l’individualità delle diverse razze fosse la forza motrice di ogni progresso, Marij Čuk ha fatto notare anche la dimensione difficile di questa triplice identità.

Tra le novità librarie messe in risalto alla Fiera siamo molto contenti di vedere in traduzione slovena di Vera Troha il romanzo Il male viene dal nord di Fulvio Tomizza (Beletrina), I giorni dell’abbandono della fantomatica Elena Ferrante in traduzione di Anita Jadrič (Cankarjeva založba) e Ossi di seppia di Eugenio Montale in traduzione rivista di Ciril Zlobec (Poetikon).

     tomizza-malevienedalnord        311TTuIYXaL._BO1,204,203,200_        prenos

Il penultimo giorno della Fiera, abbiamo ascoltato il colloquio con due poetesse friulane, Marina Giovannelli e Marina Moretti, ospiti dell’Associazione degli Scrittori Sloveni nell’ambito di uno scambio con FluSSidiverSi che unisce i poeti di Alpe-Adria.

La poesia della prima autrice, che viene da Udine, è incentrata sulla quotidianità però non si tratta di una semplice descrizione delle banalità della vita di tutti i giorni, ma di una sua interpretazione innovativa: la sua è una poesia minimalista, nella quale la realtà è scarna e ridotta ma comunque con metafore ardite. Ammette influenze importanti, per esempio quella di Sbarbaro, Campana, Rebora e Amelia Rosselli. Marina Giovannelli è anche autrice di romanzi e curatrice di antologie. È molto attiva, tra l’altro conduce corsi di scrittura creativa ed ha fondato, nel 2008, il Gruppo di Poesia “Anna Achmatova”.

Anche la poetessa triestina Marina Moretti è promotrice di attività culturale e letteraria: dirige la sezione letteraria dell’Associazione Iniziativa Europea e la collana di poesia Sin pureza presso Ellerani Editore, è membro costitutivo del PEN di Trieste e coeditor della rivista Paesaggi di resistenza. I suoi testi appaiono su antologie e riviste e sono tradotti in diverse lingue, anche in sloveno. Tutta questa attività ha influenzato il suo lavoro, dice e ritiene, insieme a Miłosz, che la poesia sia la piú grande messaggera della pace e della fraternità tra i popoli. Archeologa di professione, scava anche dentro di sé e considera la poesia un atto contro il tempo che ci frantuma e destruttura.

Ci proponiamo di dedicare prossimamente piú spazio alle nostre due brave e simpatiche Marine. DSCF2314


Začnimo z obiskom Maura Covacicha 28. oktobra na ljubljanskem Italijanskem inštitutu za kulturo, ki mu je na pobudo direktorja Angela Izza uspelo v sodelovanju z ustanovo Fondazione Bellonci dobiti avtorske pravice za uvodne strani Covacicheve kratkoprozne zbirke La sposa (Bompiani, 2015), ki se je uvrstila med letošnje finaliste za nagrado Strega. Odlomke so prevedli študenti Oddelka za prevajalstvo na Filozofski fakulteti v Ljubljani, ki so predstavili svoje delo v okviru 15. Tedna italijanskega jezika v svetu, ki je letos imel naslov Italijanščina v glasbi, glasba v italijanščini. V slovenščini pa sicer lahko v prevodu Vasje Bratine beremo Covacichev Trst, obrnjen na glavo (Trieste sottosopra, Lud Literatura, 2011), ki je v Italiji izšel pri založbi Laterza.MauroCovacich-TrstObrnjenNaGlavo_NASLzmanjsana

3. novembra smo bili navzoči na predstavitvi monografije Leonardo Sciascia e la Jugoslavia, o kateri smo na našem blogu že pisali (https://lacasadicartapapirnatahisa.wordpress.com/2015/03/31/sciascia-e-zlobec-amici-sciascia-in-zlobec-prijatelja/). O knjigi sta spregovorila urednica profesorica Ricciarda Ricorda z beneške univerze Ca’ Foscari in Sciasciev prijatelj pesnik Ciril Zlobec.

DSCF2311

12. novembra je sledil obisk tržaškega novinarja, pripovednika in popotnika Paola Rumiza, ki se ima za srečnega, da se je rodil v obmejnem mestu; predstavil je svoj novi zgodovinski roman Come cavalli che dormono in piedi (Feltrinelli 2014). V izjemno zanimivem pogovoru s slovenskim novinarjem Ervinom Hladnikom Milharčičem, med katerim sta se dotaknila tudi sedanje begunske krize, je avtor razkril genezo tega svojega dela (na slovenski prevod katerega v kratkem upamo tudi mi): potovanje z vlakom v Galicijo, ki je bila najprej leta 1914 in potem leta 1915 prizorišče rusko-avstro-ogrskih bojev. Rumiz je obiskal poljska pokopališča in zbiral nemška, poljska, italijanska in avstrijska pričevanja, medtem izgubil zvezek z zapiski, vendar se je nazadnje le dokopal do drugih starih predmetov in se vrnil v Sredipolje, veliko bogatejši kot prej: »Kdor potuje, se bogati,« meni Rumiz.

Od 25. do 29. novembra je potekal 31. Slovenski knjižni sejem, prvič mednarodno zastavljen, saj je bila gostja Francija (upajmo, da kmalu gostja tudi Italija). Kot vedno smo se tudi letos pomudili pri stojnici slovenskih založb v Italiji: Mladiki, Založništvu tržaškega tiska, Zadrugi Novi Matajur in Goriški Mohorjevi družbi. Med najzanimivejšimi literarnimi novostmi opozorimo na Sosičev prevod romana Vsak angel je strašen (Ogni angelo è tremendo) Susanne Tamaro, med sejemskimi okroglimi mizami pa na debato na temo Izziv ali resignacija? Prostor in slovenska narodna skupnost v Italiji, pri kateri so sodelovali Karel Bolčina, Marij Čuk in Marko Sosič. Bolčinovo metaforo naroda kot drevesa, ki črpa življenjske sokove iz korenin in jih žene v vejevje, je nadgradil Sosič, ki je poudaril pomen zgodb, ki oblikujejo naše življenje in jih lahko soustvarjamo; prostor je potemtakem bolj izziv kot resignacija, če preprosto povzamemo njegovo misel. Marij Čuk je izpostavil čustveno in psihološko plat prostora, ki vpliva tudi na kulturno in umetniško identiteto. Med drugim je kot primer navedel zanimivo osebnost, arhitekta Maksa Fabianija, čigar lik je navdihnil režiserko Nedo Rusjan Bric pri nedavni uprizoritvi predstave Fabiani: Sem Slovenec, Italijan, German v SNG Nova Gorica. Čeprav je Fabiani menil, da je individualnost različnih ras gonilna sila za vsakršen napredek, je Marij Čuk opozoril tudi na težavno razsežnost trojne identitete.  

Med na sejmu izpostavljenimi knjižnimi novostmi smo bili zelo veseli, da je pri Beletrini v prevodu Vere Trohe izšel roman Zlo pride s severa (Il male viene dal nord) Fulvia Tomizze, Dnevi zavrženosti (I giorni dell’abbandono) fantomske avtorice Elene Ferrante v prevodu Anite Jadrič (Cankarjeva založba) in Sipje kosti (Ossi di seppia) Eugenia Montaleja v prenovljenem prevodu Cirila Zlobca (Poetikon).

            Res_s_9789612841140      24820_20066_170x260       image3371

Predzadnji dan sejma smo poslušali pogovor s furlanskima pesnicama Marino Giovannelli in Marino Moretti, gostjama Društva slovenskih pisateljev v okviru izmenjave s FluSSidiverSi, ki združuje pesnike iz prostora Alpe-Adria.
Poezija prve avtorice, ki prihaja iz Vidma, se zgošča okrog vsakdanjosti, vendar ne gre za preprosto opisovanje banalnosti, temveč za inovativno interpretacijo: njena poezija je minimalistična, v njej je resničnost okleščena, vendar z drznimi metaforami. Priznava pomembne vplive, kot so Camillo Sbarbaro, Dino Campana, Clemente Rebora in Amelia Rosselli. Marina Giovannelli je tudi romanopiska in urednica antologij. Je zelo aktivna, med drugim vodi tečaje ustvarjalnega pisanja in je leta 2008 ustanovila Gruppo di Poesia “Anna Achmatova”.

Tudi tržaška pesnica Marina Moretti je pobudnica kulturnega in literarnega življenja: vodi literarno sekcijo Associazione Iniziativa Europea in ureja pesniško zbirko Sin pureza pri Ellerani Editore, je ustanovna članica tržaškega PEN centra in sourednica revije Paesaggi di resistenza. Njena besedila najdemo v antologijah in revijah in so prevedena v več jezikov, tudi v slovenščino. Vsa ta dejavnost je vplivala tudi na njeno delo, pravi in skupaj z Miłoszem trdi, da je poezija največja glasnica miru in bratstva med narodi. Sicer poklicna arheologinja koplje tudi po sebi in meni, da je poezija dejanje proti času, ki nas drobi in razstavlja na kose.

Obema odličnima in simpatičnima pesnicama Marinama bomo v kratkem na blogu posvetili več prostora.  

DSCF2318

 

 

 Immagine “in copertina” / Naslovna slika: Michelangelo: Busto di Bacco / Bakhovo doprsje 

Annunci

One thought on “Una variopinta vendemmia 2015 / Pisana trgatev 2015

  1. Pingback: Simposio e fiera / Simpozij in sejem | La casa di carta - Papirnata hiša

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...