Home

Žalostna novica: 5. oktobra 2015 si je založniški kartel Mondadori pripojil skupino RCS Libri. / 5 ottobre 2015: realizzata la triste fusione Mondadori – RCS Libri.

logo-mondadori-fb1

Pa ga imamo, »Mondazzolija«

Po porodu, katerega popadki so se začeli januarja 2015 (s pogajanji med skupinama Mondadori in RCS Libri), se je 5. oktobra letos v Italiji uradno skotil največji evropski založniški kartel s kvoto, ki dosega skoraj  40 % italijanskega knjižnega trga: govorimo o skupini Gruppo Mondadori lastnice Marine Berlusconi, ki je kupil RCS Libri (se pravi knjižno panogo skupine Rizzoli-Corriere della Sera, ki ima v lasti med drugimi manjšimi tudi prestižna knjigotrška podjetja Rizzoli, Bompiani, Marsilio, Fabbri, BUR, Sansoni in La Nuova Italia), in sicer za ne preveč smešno vsoto 127,5 milijona evrov. S to združitvijo smo zdaj dobili eno samo založniško skupino, sestavljeno iz založb Mondadori, Einaudi, Piemme, Frassinelli, Electa, Sperling & Kupfer in že naštetih v oklepaju pri RCS Libri.

Če povzamemo, obstajata zdaj v Italiji dve megaskupini: omenjena prevladujoča »Mondazzoli« in Gruppo Mauri Spagnol (bolj znan po kratici GeMS), ki združuje založbe Guanda, Garzanti, Bollati Boringhieri, Longanesi, Ponte alle Grazie, Chiarelettere, Corbaccio, Salani in Vallardi.

Poleg teh so tu samo še mali založniki, ki na trgu nimajo veliko teže. Če povzamemo, je položaj italijanske knjige dvopolaren, pravzaprav monopolističen, in to v brk tržni demokraciji in državnemu odboru za konkurenco, imenovanemu na kratko kar Antitrust, ki se zaenkrat še ni oglasil, ko pa si bo upal glede te zadeve (ki nima para v Evropi, kjer posamezna skupina nima v lasti več kot okrog 20 % trga) zastaviti kako plašno besedo, bo verjetno dosegel le kozmetične popravke ravnokar sklenjenega sporazuma (morda tako, da bo megaskupino prisilil, da proda kakšen svoj manjši del, npr. deleže ali prodajna mesta).

Iz tega sporazuma so na srečo izvzete edicije založbe Adelphi, ki jih je kupil eden večjih družabnikov, pisatelj in milanski mislec Roberto Calasso; ta je založbo Adelphi ustanovil pred skoraj petdesetimi leti in jo odtlej vodi v skoraj povsem neodvisnem duhu, čeprav znotraj skupine RCS, od katere pa se je zdaj dokončno, ponosno in uradno osamosvojil, tako da si je založniško podjetje povrnil z denarjem iz svojega žepa.

»Zelo me skrbi«, je tvitnil minister za kulturo Dario Franceschini; vprašanje pa je, ali bo njegova zaskrbljenost prinesla sadove z vladno podbudo »odboru Antitrust«, da stopi v pravo vojno proti spojitvi. Umberto Eco, Nicola Lagioia (letošnji prejemnik nagrade strega), Sandro Veronesi in Dacia Maraini pa so med redkimi intelektualci, ki so si v času nastanka našega članka upali javno opozoriti na skrajno nevarnost te finančne operacije. Počakajmo, kaj bodo rekli drugi. In upajmo, da bo tudi v Evropi kdo »streljal« na Italijo. To bi bilo res nujno.

Sergio Sozi


DSCF2043

Ecco a voi la Mondazzoli

Alla fine di un parto il cui travaglio è iniziato a gennaio 2015 (con l’inizio delle trattative fra Mondadori e RCS Libri), il giorno 5 ottobre 2015 ha visto ufficialmente la nascita, in Italia, del maggiore gruppo editoriale europeo, avente una quota che sfiora il 40 % del mercato librario italiano: stiamo parlando del Gruppo Mondadori di Marina Berlusconi, il quale ha acquistato la RCS Libri (ossia il settore librario del gruppo Rizzoli-Corriere della Sera, comprendente, fra altri minori, i prestigiosi marchi Rizzoli, Bompiani, Marsilio, Fabbri, BUR, Sansoni e La Nuova Italia) pagando la non risibile cifra di 127,5 milioni di euro. Adesso, dunque, tale fusione presenta un gruppo editoriale librario unico, formato dai marchi Mondadori, Einaudi, Piemme, Frassinelli, Electa, Sperling & Kupfer più quelli sovraelencati fra parentesi.

In poche parole, in Italia ora esistono due megagruppi: questo preponderantissimo Mondazzoli e il Gruppo Mauri Spagnol (più noto con la sigla GeMS) – che unisce i marchi Guanda, Garzanti, Bollati Boringhieri, Longanesi, Ponte alle Grazie, Chiarelettere, Corbaccio, Salani e Vallardi.

Oltre a questi, solo piccoli editori di scarsissimo peso sul mercato. In soldoni la situazione del libro italiano è: duopolio-quasi-monopolio, alla faccia della democrazia del mercato, con un Comitato Statale Antitrust che ancora non si è fatto sentire, ma molto probabilmente, quando oserà dire qualche timida parolina sulla faccenda – che non ha analogie in Europa, dove oltre il 20 e rotti per cento un gruppo non va – apporterà dei semplici, ininfluenti ritocchini all’accordo appena preso (magari costringendo il megagruppo a vendere qualche piccola parte di sé in giro: quote, punti vendita).

Da tale accordo, fortunatamente, sono esenti le edizioni Adelphi, che sono state, invece, acquistate da uno dei maggiori soci, lo scrittore ed intellettuale Roberto Calasso – il quale fondò Adelphi quasi cinquant’anni or sono e da allora la dirige con spirito di totale indipendenza, pur anche all’interno del gruppo RCS, dal quale tuttavia ora l’editore milanese si è finalmente, orgogliosamente ed ufficialmente distaccato, pagando di tasca propria per riprendersi l’azienda.

‘’Molto preoccupato’’ in un Tweet il Ministro della Cultura Dario Franceschini – vedremo, però, se la sua preoccupazione diverrà fattiva con uno stimolo da parte del Governo all’Antitrust affinché questa faccia una vera e propria guerra alla fusione. Invece, Umberto Eco, Nicola Lagioia (Premio Strega 2015), Sandro Veronesi e Dacia Maraini fra i pochi intellettuali che, mentre sto scrivendo, abbiano avuto il coraggio di esporre pubblicamente l’estrema pericolosità dell’operazione finanziaria. Vedremo cosa diranno gli altri. E speriamo che anche in Europa qualcuno spari sull’Italia. Ce ne sarebbe proprio bisogno.

Sergio Sozi

DSCF2045

Annunci

3 thoughts on “Pa ga imamo, Mondazzolija / Ecco a voi la Mondazzoli

  1. Riepilogando: ora esiste un gruppo, il Gruppo Mondadori, in cui si trovano riuniti i seguenti editori: Mondadori, Einaudi, Electa, Sperling e Kupfer, Frassinelli, Piemme, Rizzoli, Bompiani, Marsilio, Fabbri, BUR, Sansoni e La Nuova Italia.
    L’altro gruppo, il GeMS, invece e’ composto da: Guanda, Garzanti, Bollati Boringhieri, Longanesi, Ponte alle Grazie, Chiarelettere, Corbaccio, Salani e Vallardi.
    Diteci: vi sembra cosa normale, questo, in una Repubblica democratica membro dell’Unione Europea?

    Mi piace

  2. Pingback: Simposio e fiera / Simpozij in sejem | La casa di carta - Papirnata hiša

  3. Pingback: Elisabetta e il suo equipaggio /Elisabetta s posadko | La casa di carta - Papirnata hiša

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...